Pupo batte Barbara D’Urso in tribunale: “Parlò di un flirt, non è diffamazione”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Maggio 2014 19:41 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2014 19:41

 

Barbara D'Urso

Barbara D’Urso

ROMA -Un flirt tra Pupo e Barbara D’Urso, nel lontano 1981. Una rivelazione fatta ormai 4 anni fa dal cantante che però, all’epoca, mandò su tutte le furie la conduttrice Mediaset che denunciò Pupo per diffamazione. Ora il tribunale civile di Roma dà ragione a Pupo e anzi condanna la D’Urso a pagare 4mila euro di spese legali. Ecco cosa ha scritto il giudice:

“La dichiarazione relativa all’esistenza di una breve relazione tra i due non può avere alcun contenuto diffamatorio o lesivo dell’onore dell’attrice perchè la stessa nel medesimo contesto viene definita una grande donna tanto che ha ispirato la sua canzone d’amore. Nè può ritenersi che abbia carattere gratuitamente offensivo l’allusione al Cassano vero e alCassano finto, trattandosi di un inoffensivo scherzoso paragone con il tema della trasmissione sportiva. E il diritto alla riservatezza invocato dalla presentatrice? La D’Urso, osserva il giudice, è personaggio pubblico, Pupo non ha rivelato aspetti intimi ma solo l’esistenza di un flirt che avrebbe ispirato l’attività artistica del cantante. E, osserva il giudice, »riveste senz’altro interesse, per un certo pubblico, conoscere il soggetto che ha ispirato la composizione artistica”.

Ma cosa disse Pupo? Nel 2010 Sky fece uno spot utilizzando una sua canzone, “La storia di noi due”, scritta nel 1981. Intervistato, Pupo rivelò il retroscena di quella canzone dicendo di averla dedicata:

«Ad una grande donna di Mediaset che fa la conduttrice e con cui ho avuto un flirt: Barbara D’Urso. Io l’ho scritta, parole e musica, per lei, è stato un momento in cui le ho dedicato questa canzone e questa è la prima volta che lo dico, ma è così”. Barbara, però, non apprezzò affatto.