Raffaella Fico: “Se parlo a Pia del papà (Balotelli), lei bacia la sua foto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 febbraio 2014 14:13 | Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2014 14:13
Raffaella Fico: "Se parlo a Pia del papà (Balotelli), lei bacia la sua foto"

La copertina di Diva e Donna del 18 febbraio

NAPOLI – A un anno e due mesi dalla nascita di Pia arriva la svolta: Mario Balotelli è il papà. E Raffaella Fico, su Diva e Donna, apre la porta al suo ex: “Mario può vedere la bambina quando vuole, gli lascio i suoi tempi… Gli vorrei dire: Dimentichiamo gli errori del passato, pensiamo insieme al futuro”.

Ecco alcuni passaggi dell’intervista di Raffaella Fico a Diva e Donna:

Qual è stata l’ultima volta che ha visto o sentito Mario?

Al settimo mese di gravidanza: quando è venuto a trovarmi a Napoli e ha fatto quel famoso comunicato stampa in cui diceva di volerci riprovare con me. Poi è sparito, mai più sentito. Ho sofferto molto perché sono stata accusata di essere bugiarda e approfittatrice, ma ora è il momento di pensare solo a Pia.”

Che cosa direbbe oggi a Mario?

Se avessi l’opportunità di parlargli direi: “Dimentichiamo gli errori del passato, pensiamo insieme al futuro per la serenità di Pia. Quando la vedrai impazzirai di gioia”. Da parte mia non starei a rimuginare sul passato: sono del parere che tutti possono sbagliare. L’importante è non perseverare. Non è mai troppo tardi!”

Pia riconosce il papà in fotografia?

“Sorride e quando lo vede dà un bacio alla foto: la nonna le ha insegnato così con le immagini sacre, di Padre Pio. E lei allora dà sempre i baci alle foto. Ha già imparato la parola “papà”, anche se per ora identifica con mio fratello Francesco. E io le dico: “No, è lui è lo zio. Papà è Mario”.”

Che sentimenti prova adesso nei confronti di Balotelli?

“Ho sempre detto che fondamentale è una persona buona: ora deve dimostrare anche di essere un buon padre e sono certa che lo sarà. Deve imparare a conoscere piano piano Pia: lo dico principalmente per interesse del papà. Lui potrà passare tutto il tempo che vorrà con la sua bambina; ma l’importante è che ogni cosa si svolga in modo graduale, perché Pia non può subire traumi. Tutto deve avere un percorso che dovremo decidere insieme (…)”.

Balotelli ha fatto intuire che da lei sarebbero già arrivate richieste economiche da capogiro. Ci dica la verità: che cosa gli chiede?

“Che Pia possa vivere come la figlia di un calciatore: crescendo si renderà conto di chi è Mario Balotelli e non deve subire complessi di inferiorità nei confronti degli altri figli di calciatori.”