Rocco Siffredi: “Tomba e Berlusconi i miti, Concita De Gregorio il sogno hard”

Pubblicato il 29 Luglio 2011 13:27 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2011 13:27

Rocco Siffredi (foto La Presse)

ROMA – Rocco Siffredi si racconta in un’intervista a ‘Libero’ in cui ammette che il suo sogno erotico è l’ex direttrice dell’Unità Concita De Gregorio. “Mi fa impazzire – dice l’attore porno – Quello che dice non lo ascolto, ma la guardo. Un bel tipino. Intellettuale ma hot. Se facesse un film con me, le farei fare la protagonista”.

Il resto è tutto un Siffredi come un fiume in piena. Si scopre che il suo mito è Alberto Tomba e che ha grande stima anche per Silvio Berlusconi. Ovviamente sempre di fatti di sesso si tratta. “Sono malato di sesso – dice Rocco – Più di Michael Douglas: lui ha avuto disturbi per due mesi con Sharon Stone, io sono così da 27 anni. Che ci vado a fare dal sessuologo, dallo psicologo? Mi direbbero di chiudere con il lavoro. Non potrei mettermi a fare il regista. Sarebbe come dire a un alcolizzato di servire whisky al bar. Sono fissato totale”. Poi aggiunge: “L’unico in Italia come me è Alberto Tomba. Ne sono stra-sicuro. Altri molto focosi, secondo me, sono Totti e Cassano. Farei un film con tutti e tre”. E su Berlusconi: “Oh, yes, The President. Lui è il number one. Arrivarci così alla sua età! Lo stimo. Ha fatto la vita che desidera. Mia moglie vorrebbe conoscerlo. Sgarbi una volta disse: ‘Io mi diverto, Rocco Siffredi è un operaio del sesso’. Ha ragione. Berlusconi si diverte davvero, io ci provo”.

Poi la domanda “Qual è la donna italiana che la stuzzica di più?”. “Martina Colombari. Emana un forte erotismo. E poi avendo avuto una storia con Tomba sa cos’è l’uomo. Ma quella che mi fa impazzire davvero è l’ex direttrice dell’Unità Concita De Gregorio. Quello che dice non l’ascolto, ma la guardo. Un bel tipino. Intellettuale ma hot. Se facesse un film con me, le farei fare la protagonista”.