Rocco Siffredi e il Covid: “Mi sono accorto della perdita di gusto e olfatto mentre…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Novembre 2020 20:19 | Ultimo aggiornamento: 5 Novembre 2020 20:19
Rocco Siffredi svela la sua posizione preferita: è il rusty trombone

Rocco Siffredi svela la sua posizione preferita: è il rusty trombone (Foto Ansa)

Il Covid non ha risparmiato neppure tanti personaggi famosi. Tra questi anche il famoso attore e regista a luci rosse Rocco Siffredi.

Solo qualche giorno ha comunicato la propria positività al Covid anche il noto attore a luci rosse Rocco Siffredi.

Siffredi, originario di Ortona (Chieti) ma residente a Budapest, è stato raggiunto telefonicamente da Radio Deejay proprio per avere maggiori delucidazioni sul suo stato di salute.

Linus e Nicola Savino hanno incalzato Rocco Siffredi, cercando di farsi raccontare anche qualche dettaglio sulla malattia.

L’attore ha così preso la palla al balzo, chiarendo i suoi sintomi e specificando anche come si è accorto di una delle caratteristiche più diffuse del coronavirus, ovvero la perdita di gusto e olfatto.

“Di solito quando mi viene la febbre mi dura al massimo due giorni. Invece stavolta è durata un pò di più, tre o quattro giorni in tutto. I sintomi sono quelli classici, compresa la perdita di gusto e olfatto, adesso però non vi dico in che modo me ne sono accorto…”, le parole di Rocco Siffredi, che hanno subito scatenato l’ilarità dei conduttori.

Il 56enne si riferiva chiaramente ai rapporti orali, tanto da precisare successivamente di essersi reso conto di qualcosa di strano perché “non era più saporita come al solito”, suscitando nuovamente le risate di chi lo intervistava.

Linus e Savino gli hanno chiesto se l’esperienza del Covid e della quarantena potrà svilupparsi in qualche nuovo progetto cinematografico.

Siffredi ha colto l’occasione per raccontare come le riprese dei film in programma siano praticamente in stand-by a causa dei contagi: “Bisogna stare tranquilli, di certo non è un bel periodo”. (fonte RADIO DEEJAY)