Rocco Siffredi e lo smacco della moglie a letto: “Le prime volte…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 agosto 2018 19:29 | Ultimo aggiornamento: 19 agosto 2018 19:29
Rocco Siffredi e lo smacco della moglie Rosa Caracciolo a letto: "Le prime volte..."

Rocco Siffredi e lo smacco della moglie a letto: “Le prime volte…” (foto d’archivio Ansa)

ROMA – La vita di un attore a luci rosse non è tutta rose e fiori. Lo ha detto Rocco Siffredi in una intervista a Libero, in cui racconta alcuni aneddoti della propria vita di coppia e in particolare della moglie Rosa Caracciolo [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

“Dopo sei mesi di matrimonio mi ha detto: ‘Rocco, possiamo anche farlo in dieci posizioni diverse e per tutta la giornata, ma mi sembra una seduta di fitness e io non riesco a venire'”. Un colpo basso per lui: “Contraddire una pornostar come me dicendo ‘mi annoio’? Una botta pazzesca, e da lì ho capito che anch’io dovevo assecondarla di più”.

“Sa che purtroppo l’ho tradita con delle prostitute. Se sei uno abituato a fare sesso tutto il giorno, diventa quasi un bisogno fisiologico. Anzi di più: una vera e propria droga. E io lo ammetto, sono stato parecchio dipendente dal sesso. Chi va su un set se ne accorge. Ci sono le luci, i tempi da rispettare, un mucchio di persone. Si va, si scopa e si riparte. Uno stop and go che nella vita reale non esiste. Mi sono sposato che ero già una pornostar e ho continuato a fare film fino ai 40 anni. Quando ho smesso per due o tre anni ci sono stati i problemi. Ma mia moglie è intelligente, sa chi sono e che ho scelto il porno perché volevo far sesso. Diverso sarebbe se io avessi una relazione con una donna”.