Rupert Everett: “Non c’è niente di peggio che due papà gay”

Pubblicato il 17 settembre 2012 14:04 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2012 14:06

Rupert Everett (Foto Lapresse)

LONDRA – “Non riesco a pensare niente di peggio che essere cresciuto da due papà”. Parola di Carlo Giovanardi? Non proprio, forse non tutti si aspetterebbero che il peggior difensore dei diritti gay è…un gay. Un celebre gay, per giunta, ovvero Rupert Everett. Uno che ha sofferto prima di fare outing, uno di quegli attori che “la mia carriera ha avuto un brusco stop quando ho detto di essere gay”. Ecco, proprio lui dimostra posizioni conservatrici quando si tratta di figli.

Già tempo fa non era stato tenero sull’argomento, parlando di una categoria ancor più delicata a suo dire: il papà gay e Vip. “Perché per un ragazzino già avere genitori famosi rischia di essere una catena di cui è difficile liberarsi. Figurarsi se i due genitori oltreché famosi sono pure omosessuali”. E cosa diranno Elton John, Ricky Martin, Miguel Bosè, tutti genitori, Vip e gay dichiarati? Probabilmente se ne faranno una ragione.