Sara Manfuso: “Quando un uomo mi ha chiesto i croccantini per essere sottomesso…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Gennaio 2020 11:35 | Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio 2020 12:25
Sara Manfuso a I Lunatici: "Quando un uomo mi ha chiesto i croccantini per essere sottomesso..."

Sara Manfuso: “Quando un uomo mi ha chiesto i croccantini per essere sottomesso…” (Foto da video)

ROMA – Sara Manfuso ospite ai Lunatici su Radio2, ha raccontato un aneddoto curioso e anche un po’ schifoso della sua vita: un uomo, per sentirsi sottomesso, le avrebbe chiesto dei croccantini da cane. Per fortuna la fidanzata di D’Attorre del Pd ha deciso in quel momento di troncare la relazione.

La Manfuso, incalzata dai conduttori Arduini e Di Ciancio, racconta come secondo lei la vera trasgressione sia fare l’amore guardandosi negli occhi. “Siamo terrorizzati dal contatto umano, la vicinanza eccessiva ci angoscia e agiamo mossi da logiche prestazionali! Fare le cose più strane ci illude di esercitare di più la nostra libertà, ma in realtà ci infonde ansia e non ci regala nemmeno piacere”.

La cosa più strana? “Quella volta che un uomo mi chiese di dargli da mangiare dei bocconcini per cane così da sentirsi sottomesso..ho interrotto la frequentazione! Preferivo fare un salto in un canile vero piuttosto che tenere lui!”.

Aggiunge inoltre un commento sui Meghan e Harry, “entrambi molto cool e anticonformisti. La scelta, in barba a tutte le gerarchie monarchiche, gli frutterà un bel po’ in termini di marketing e se sapranno cavalcare bene l’onda sarà un fenomeno che non si sconterà. Certo, tra i due pare sia lei a “tenerlo al guinzaglio” ma è assurdo che ogni volta in cui si creano situazioni complesse per una famiglia (siano queste famiglie reali, o “popolane”) debba pagare sempre la donna. In molti stanno accusando la seducente Meg, nelle cui mani sarebbe il principe cadetto che verrebbe trattato alla stregua di un burattino. Anche Lady D., pure con un profilo pubblico diverso, per i suoi amori e sete di libertà fu accusata e vissuta sempre come una figura problematica eppure quanto è stata amata (e lo è ancora profondamente) non solo dai sudditi, ma dal grande pubblico. Dalla libertà e dall’anticonformismo nascono le vere icone”. (Fonte: I Lunatici).