Sara Tommasi a BlitzQuotidiano: “In quarantena con la mia famiglia. Fuori c’è una persona che mi aspetta…”

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 16 Aprile 2020 11:46 | Ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2020 11:46
Sara Tommasi: "In quarantena con la mia famiglia. Fuori c'è una persona che mi aspetta..."

Sara Tommasi: “In quarantena con la mia famiglia. Fuori c’è una persona che mi aspetta…” (foto Gianluca Sambiase)

ROMA – Le limitazioni sempre più stringenti imposte dal governo a causa della diffusione del Coronavirus ha di fatto sancito la quarantena per milioni di persone. Dunque anche i Vip sono bloccati nelle loro case. Ma cosa faranno per trascorrere le lunghe giornate tra le mura domestiche?

Sara Tommasi ha raccontato a Blitz Quotidiano come sta trascorrendo il suo isolamento in Umbria: “Sto con la mia famiglia, papà, mamma e la nonna. L’abbiamo presa con filosofia. In queste giornate sto scoprendo che sono molto brava a cucinare i manicaretti, ma anche parmigiane, arrosti”. Poi una promessa: “Quando sarà finita vi invito…”.

Sulla Pasqua appena passata: “Come sempre, solo un po’ più distanti, con mascherina e guanti. Ma questa è la vita”.

Sara poi svela che durante questa quarantena le manca uscire all’aria aperta: “Mi manca correre, allenarmi. Anche solo passeggiare in riva al mare. Ma lo rifaremo presto”.

In questo isolamento forzato ti stai dedicando a degli hobby che magari avevi trascurato prima? “Sto leggendo degli aforismi di Schopenhauer che sono i miei preferiti già da quando studiavo in Bocconi. Inoltre sto facendo un Master di formazione”.

Usciti da questo momento, hai qualche progetto? “Ho un programma molto ambizioso, un video clip musicale sempre in collaborazione con il mio manager (Antonio Orso) e forse un programma ma è tutto top secret”.

Chi è la prima persona che vorresti abbracciare? “C’è una persona molto importante. Non dico di più…”.

Infine Sara ci tiene a lanciare un messaggio: “Apprezzate le piccole cose di ogni giorno a cui prima dedicavate poco tempo. Godetevi la famiglia, i figli, leggete…”. Nella speranza che tutto finirà presto.

In questo articolo parliamo anche di: