Tiziana Giardoni, il primo post su Instagram dopo la morte di Stefano D’Orazio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Novembre 2020 9:35 | Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2020 9:35
Tiziana Giardoni, il primo post su Instagram dopo la morte del marito Stefano D'Orazio

Tiziana Giardoni, il primo post su Instagram dopo la morte di Stefano D’Orazio

Tiziana Giardoni, moglie di Stefano D’Orazio, ha scritto il primo post su Instagram dopo la morte del marito (ex batterista dei Pooh).

Primo post su Instagram per Tiziana Giardoni, moglie di Stefano D’Orazio, dopo la morte del marito. L’ex batterista dei Pooh è morto 6 giorni fa.

Tiziana Giardoni, il post su Instagram per Stefano D’Orazio

Ecco il post integrale di Tiziana, con il testo che accompagna una foto della coppia.

“Sarò forte così come avresti voluto .. mi prenderò cura di me perché questo è quello che volevi .. Continuerò a sorridere perché tu amavi il mio sorriso .. Porterò avanti i tuoi progetti perché hai speso tutte le tue energie per completarli.. Ma dammi del tempo amore mio grande .. non riesco a sopportare la tua assenza .. non ce la faccio .. sento tanto dolore .. e ho il cuore a pezzi .. non mi bastano i ricordi .. mi manca il tuo respiro .. la tua allegria .. le tue carezze .. mi manca l’aria .. mi manca la forza .. mi manchi tu!”.

L’intervista al Corriere della Sera

Tiziana Giardoni ha parlato negli ultimi giorni anche in un’intervista al Corriere della Sera. Ecco i punti salienti.

“Non riesco a cancellare quella notte in cui ho visto Stefano per l’ultima volta: aveva la febbre a 39 e mezzo, se ne è andato con il 118 guardandomi con lo sguardo impaurito e perso. Non l’ho potuto salutare, né fargli una carezza: lui ne aveva bisogno, perché noi ci addormentavamo così”.

“Stefano aveva cominciato ad avere delle febbriciattole. Ma per tirarmi su il morale provava a farmi ridere o mi diceva di uscire con le amiche: non l’ho lasciato mai una volta, so che ne aveva paura. A volte avrebbe preferito avere un nemico con un nome e cognome da combattere, invece non c’era qualcosa di definito da aggredire. Arrivavano quei momenti di down e lui ne usciva spossato”. (Fonti: Instagram e Corriere della Sera)