Il 31 luglio “Giornata mondiale dell’orgasmo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Luglio 2014 17:44 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2014 17:44
Il 31 luglio "Giornata mondiale dell'orgasmo"

Il 31 luglio “Giornata mondiale dell’orgasmo”

ROMA – Giovedì 31 luglio gli uomini e le donne di tutto il mondo si “uniranno” per celebrare la Giornata mondiale dell’orgasmo. Per l’occasione, il sito di incontri extraconiugali AshleyMadison.com ha deciso di interrogare i suoi iscritti a proposito delle loro esperienze in merito al Big “O”. Secondo il sondaggio effettuato su un campione di 41.967 utenti, gli uomini e le donne raggiungono l’orgasmo con una frequenza molto più alta da quando hanno cominciato a tradire il partner.

La vita matrimoniale inizia alla grande, ma finita la luna di miele molte coppie inseriscono la sordina in camera da letto – spiega Noel Biderman, Ceo e fondatore di AshleyMadison.com – Spesso due persone sposate vivono l’uno accanto all’altra senza avere nessun rapporto sessuale. E quando raramente cercano un contatto non riescono a ottenere soddisfazione per colpa dello stress causato dalle preoccupazioni quotidiane, come quelle di natura economica o legate ai figli. I rapporti extraconiugali, al contrario, sono trascinati dall’eccitazione, dalla passione e dalla fantasia e permettono di fuggire dalle ansie della vita di tutti i giorni e di raggiungere il massimo del piacere”.

La finzione coniugale. Quando tra le lenzuola tutto tace per una coppia sposata può essere necessario fingere di essere soddisfatti per salvare il proprio rapporto. Il 41% degli uomini e il 73% delle donne intervistate da AshleyMadison.com ha dichiarato di aver simulato un orgasmo col proprio coniuge almeno una volta. Inoltre l’85% delle mogli è convinta che il proprio “maritino” non riesca a capire quando in realtà non sia arrivata…alla fine. Una sensazione confermata dal 66% della controparte maschile che dichiara di non essere in grado di riconoscere una simulazione.

Mariti smentiti. L’indagine sfata anche un falso mito molto comune nell’immaginario dei “maschietti”: non è vero che le loro amanti raggiungono l’orgasmo con una frequenza maggiore rispetto alle mogli o alle fidanzate. Se infatti più di due terzi (67,3%) degli iscritti si pavoneggia dichiarando che la partner occasionale ha raggiunto l’acme del piacere durante l’ultimo rapporto sessuale, la percentuale cresce per le donne sposate intervistate. Il 77,2% di loro dichiara di aver ottenuto piena soddisfazione nell’ultimo incontro hot, solo che il partner non era il marito. Moglie felice, vita felice. L’85% delle donne ritiene che la soddisfazione extraconiugale contribuisce in maniera decisiva a sopprimere la tensione sessuale nel loro matrimonio. In altre parole contribuisce a rendere felice il rapporto con il marito: tradito sì, ma contento.