photogallery

Beatrice Borromeo racconta il sesso a 14 anni

prostitutaROMA – Beatrice Borromeo firma sul Fatto Quotidiano un’inchiesta sul sesso a 14 anni. L’articolo nasce in seguito ai recenti casi di baby prostitute, quasi una nuova categoria: bambine-adulte non più costrette a fare sesso a pagamento, ma autrici delle proprie scelte.

Per avere soldi, potere, divertimento. Come sono le 14enni di oggi? La Borromeo ha parlato con alcune adolescenti e scritto un articolo piuttosto vivace, anche nei toni:

Ai preliminari, spiega Chiara, non si dà alcun peso: “Se esci con un ragazzo per un paio di settimane, è normale fargli almeno una sega. Sì, lo racconti in classe, ma non è una gran notizia: nessuno si stupisce”. Non si diventa popolari nemmeno per il sesso orale: “Le mie amiche lo fanno spesso nei bagni delle discoteche, il sabato sera. Poi ci ridono su: ‘Tanto ero ubriaca’, dicono. Anche perché, quando si esce, si parte subito con i vodka-pesca o gli shot di rum e pera, quindi non ci vuole molto per perdere il controllo. L’altra scusa è che si erano fumate tre o quattro canne, che erano fatte. Ma nessuna si pente, e pochissime si ricordano anche solo il nome del ragazzo a cui hanno fatto un pompino”.

Se si incontrano il weekend dopo, spiega, i due nemmeno si salutano. E ancora, a scuola l’argomento non esalta un granché: “Una di quinta ginnasio ha avuto un rapporto orale a tre prima di perdere la verginità, per prepararsi, e il racconto non ha creato grande scalpore”. Poi, i ragazzi sono gli unici a beneficiare dei preliminari: “Su di noi? Figurati, i maschi non sanno nemmeno da che parte cominciare. Non ho mai sentito parlare di sesso orale su una mia amica. Magari se esci con quelli più grandi, ma dubito”.

 

To Top