Bergamo, violenta figlia per 8 anni. Scoperto con le telecamere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Dicembre 2014 16:50 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2014 16:50
Bergamo, violenta figlia per 8 anni. Scoperto con le telecamere

Bergamo, violenta figlia per 8 anni. Scoperto con le telecamere

BERGAMO – Una figlia violentata ripetutamente per otto anni. Da quando ne aveva sei fino ai 14. E un’altra figlia costretta a subire palpeggiamenti in casa. Per questo un allevatore di 56 anni della provincia di Bergamo è stato condannato, con rito abbreviato, a 8 anni di carcere.

Fondamentale, per incastrare l’uomo, è stato il ricorso alle telecamere. I carabinieri le avevano montate in salone. E là hanno visto l’uomo palpare ripetutamente una delle due figlie minorenni, quella più grande.

Alla maggiore è andata meglio che alla sorella. Ai giudici ha spiegato di aver subito solo quelle violenze davanti alle telecamere. Per la più piccola delle due figlie, invece, è stato un calvario. Ad accorgersi che qualcosa non andava è stata un’insegnante che con la ragazza ha iniziato uno scambio anche via Facebook. E’ stata la professoressa a raccogliere le parole della ragazzina e a denunciare il tutto. Da là è partita l’indagine e la decisione di montare le telecamere.

A quel punto tutta la famiglia si è schierata contro il papà violentatore, si è costituita parte civile. E il giudice ha disposto una provvisionale di 30 mila euro per la moglie del condannato, di 10 mila euro per la figlia maggiore e di 50 mila per la minore.