Forcella bordello di Napoli: proprietari affittano i “bassi” a prostitute straniere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Febbraio 2015 14:03 | Ultimo aggiornamento: 6 Marzo 2015 14:38
Forcella bordello di Napoli: proprietari affittano i "bassi" a prostitute straniere

Forcella bordello di Napoli: proprietari affittano i “bassi” a prostitute straniere

ROMA – Forcella bordello di Napoli: proprietari affittano i “bassi” a prostitute straniere. Da mesi un intero rione di Napoli, Forcella e zone adiacenti, si sta trasformando in una specie di quartiere a luci rosse, un bordello aperto al pubblico giorno e notte grazie alla disponibilità di locazioni concesse in affitto a prostitute in prevalenza straniere.

Sono i terranei, i piccoli appartamenti con le finestre a livello strada, i famosi “bassi” napoletani, che vengono affittati, a cifre clamorosamente fuori mercato se non fossero destinati al lupanare. Ben 22 case del sesso a Forcella sono state scoperte dalla Polizia municipale dal mese di novembre ad oggi.

Le ultime due sono state individuate nel corso dei servizi per il controllo della prostituzione da parte dell’unità operativa Tutela emergenze sociali. I due locali erano occupati il primo da una prostituta marocchina che adescava clienti lungo corso Umberto mentre il secondo è risultato occupato da tre transessuali macedoni.  Nel contempo, dice il rapporto della Polizia,

si è accertato ormai da mesi che i quartieri limitrofi alla zona in osservazione, con particolare riferimento a Forcella, rappresentano l’area a luci rosse dove si consumano i rapporti sessuali a pagamento. Il tutto è favorito dalla compiacenza dei proprietari i quali speculano sull’attività di prostituzione cedendo in affitto terranei, spesso tuguri, a prostitute percependo somme lontanissime dalle normali quotazioni di mercato. Tra l’altro, da indagini effettuate, tutti i bassi posti in sequestro e liberati dagli occupanti, risultano accatastati come deposito e dunque illegittimamente concessi in locazione ad uso abitativo.  (Polizia di Napoli, Ansa)

Da novembre ad oggi si è proceduto al sequestro penale di sette bassi tra la zona di Forcella ed il centro storico mentre sono stati liberati, previa diffida ai proprietari, altri 15 locali a livello della strada.