Gabriele D’Annunzio, isolato il Dna grazie a un suo fazzoletto sporco di sperma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Marzo 2015 16:58 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2015 16:59
Gabriele D'Annunzio, isolato il Dna grazie a un suo fazzoletto sporco di sperma

Gabriele D’Annunzio, isolato il Dna grazie a un suo fazzoletto sporco di sperma

MILANO – Un fazzoletto sporco di sperma, “dono” a un’amante dopo una notte di passione. E’ così che i carabinieri del Racis hanno isolato il Dna di Gabriele D’Annunzio. Il dna prelevato dal fazzoletto non è servito per l’attribuzione di un testo sconosciuto, come riferito in un primo momento dai carabinieri, ma segna un’importante scoperta scientifica e un nuovo passo nella conoscenza dell’autore.

Per celebrare la scoperta del Dna del poeta grazie all’indagine condotta dai carabinieri del Racis, il presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani, Giordano Bruno Guerri, ha svelato una lettera inedita del poeta consegnata da un collezionista.

E’ un testo del 15 luglio 1935 che contiene parole particolarmente sentite con cui D’Annunzio affida a un colonnello dei carabinieri il “giovine” Guerino Peverada.

“Colonnello dei Regi carabinieri Adelchi Struffi da Gabriele D’Annunzio, colonnello dei lancieri di Novara – esordisce il documento -. Mio caro camerata, io non ho cessato di esser colonnello dopo la guerra, dopo l’impresa di Buccari. Volli da colonnello prendere e tenere Fiume d’Italia dove i carabinieri, fra ogni specie di sopraggiunti diedero l’esempio della disciplina, del coraggio, della lealtà, della devozione spontanea della causa bella”.

(Foto Ansa).