Giuseppe Franco resta in carcere: accusato stupro minorenne a Roma (Prati)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 luglio 2015 11:41 | Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2015 11:41
Giuseppe Franco resta in carcere: accusato stupro minorenne a Roma (Prati)

Giuseppe Franco resta in carcere: accusato stupro minorenne a Roma (Prati)

ROMA – Resta in carcere Giuseppe Franco, il militare accusato di avere violentato quattro giorni fa a Roma in zona Prati una ragazzina di quindici anni. Lo ha deciso il gip emettendo una ordinanza di custodia cautelare in carcere. I reati a carico dell’uomo sono violenza sessuale e sostituzione di persona. Quest’ultima accusa perché Franco avrebbe avvicinato la ragazzina spacciandosi per agente di polizia, una accusa che l’uomo nega sostenendo di aver mostrato solo il suo tesserino militare.

Nella giornata di giovedì, durante l’interrogatorio di garanzia Giuseppe Franco: “Il rapporto c’è stato ma era consenziente e lei mi ha mentito, perché mi aveva detto di avere 18 anni“. La sua versione però non ha convinto gli investigatori e il giudice. Troppi i dettagli che non tornano: dalla descrizione delle ragazzine sull’adescamento alla sua fuga alla vista della mamma di una delle tre, dai pantaloncini lavati immediatamente dopo la nottata e sequestrati nella sua abitazione al drammatico racconto della giovanissima.

Per il gip infatti non solo “si ritengono sussistenti i gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato”, ma il 31enne, scrive il gip, “sembra aver pianificato la violenza. Ha individuato una ragazza palesemente minorenne, ha esibito un tesserino per accreditarsi come rappresentante delle forze dell’ordine e ha persuaso la minore esercitando la forza solo nei momenti in cui la ragazzina tentava di ribellarsi”. L’uomo ha “senz’altro ha approfittato dell’orario notturno e del luogo in cui appartarsi, senza dubbio conosciuto”.