Helen Mirren minacciata sul set del film con Al Pacino

Pubblicato il 3 Agosto 2011 19:00 | Ultimo aggiornamento: 3 Agosto 2011 21:57

NEW YORK – “Phil” Spector è stato uno dei più grandi produttori discografici nonché uno tra i più importanti compositori e musicisti statunitensi entrato a far parte anche della Rock and Roll Hall of Fame. A questa figura geniale della musica pop, il regista David Mamet sta dedicando un film.

L’eccentrica figura di Spector, in questa pellicola che ripercorre tutta la sua vita, sarà interpretata dal grande Al Pacino. Inventore della tecnica “Wall of Sound”, Spector fu il creatore di una serie di gruppi femminili in bilico tra pop e r&b degli anni Sessanta (le Ronettes su tutti) e realizzò più di venticinque singoli da Top-40 solo tra il 1960 e il 1965.

Più tardi lavorò con Tina Turner, John Lennon e Ramones. Tra i suoi altri lavori più significativi, vanno segnalate le partecipazioni alla realizzazione di Let It Be dei Beatles e del The Concert for Bangla Desh di George Harrison. La canzone You’ve Lost That Lovin’ Feelin’ del 1965, prodotta e co-scritta da Spector per i Righteous Brothers, è stata proclamata dalla BMI (organizzazione per i diritti d’autore in campo musicale) come la canzone più riprodotta del XX secolo negli Stati Uniti.

Più recentemente Spector è salito alle cronache per un processo di secondo grado per l’omicidio dell’attrice Lana Clarkson, terminato con un verdetto di colpevolezza.

Tra i protagonisti della pellicola spicca anche Helen Mirren nella parte dell’ avvocato di Spector. Questa partecipazione, è costata alla Mirren un invito ad abbandonare il progetto. Nel 2003, il corpo di Lana Clarkson venne trovato in casa di Spector. Quando la polizia arrivò, l’attrice venne trovata morta a causa di una ferita da arma da fuoco alla bocca, su una sedia. Spector era chino su di lei con una pistola in mano.

Sei anni dopo, l’ex super-famoso produttore musicale è stato riconosciuto colpevole di omicidio di secondo grado. Il film attualmente in produzione dovrebbe presentare il suo caso in una luce a lui più favorevole e ciò ha scatenato un’ondata di proteste. Edward Lozzi, parlando a nome degli Amici di Lana Clarkson, racconta infatti la Daily Mail di aver consigliato ad Ellen Mirren di abbandonare il set del film per evitare di subire una battuta d’arresto alla sua carriera.

Qui di seguito, le immagini dal set newyorkese del film di Phil Spector (foto AP/LaPresse):