La Spezia, minorenne abusata dal cugino: la madre ubriaca non la difende

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 luglio 2015 15:23 | Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2015 15:31
La Spezia, minorenne abusata dal cugino: la madre ubriaca non la difende

La Spezia, minorenne abusata dal cugino: la madre ubriaca non la difende

LA SPEZIA – Una ragazzina di 15 anni che dorme, il cugino di 25 che all’improvviso inizia a palpeggiarla e ad abusarla. La mamma della ragazzina che, ubriaca, non reagisce e non difende la figlia. E’ la storia che arriva da La Spezia. La racconta Il Secolo XIX:

L’indagine parte da qui: l’incartamento arriva sulla scrivania del sostituto procuratore Federica Mariucci. Il magistrato si trova a indagare in un contesto familiare molto complesso. C’è solo un modo per ricostruire la vicenda: ascoltare la vittima. Deve ripercorrere la vicenda davanti a un consulente che ne accerti l’attendibilità. La ragazza viene sentita mercoledì dalla psicologa Jolanda Stevani, davanti al giudice per le indagini preliminari Diana Brusacà e al pm Mariucci.

Spiega tutto, dice di essersi svegliata all’improvviso, accanto a lei c’era il cugino, l’avrebbe palpeggiata con insistenza. All’incidente probatorio partecipano anche gli avvocati del ventenne, annotano ogni passo dell’audizione protetta. Difendono il proprio cliente, sostenendo che la piccola abbia provato ad attirare l’attenzione su di sé. Il padre, spezzino, è spesso fuori per lavoro. La madre, origini sudamericane, invece ha problemi con l’alcol, le è stato tolto l’affido delle due sorelline della ragazza vittima di violenza. Gli ufficiali della sezione in procura della polizia di Stato hanno raccolto una montagna di indizi. Hanno ascoltato anche il padre che dice di credere al racconto della figlia.