Lo accusa: “Stupro, sesso a tre con baby sitter e video, molestò mia figlia”

Pubblicato il 10 Gennaio 2013 16:55 | Ultimo aggiornamento: 2 Marzo 2015 13:23
Compagna accusa: "Molestò mia figlia, stuprò me e si filmò con la baby sitter"

Compagna accusa: “Molestò mia figlia, stuprò me e si filmò con la baby sitter”

ROMA – Il compagno l’ha picchiata, l’ha obbligata a fare sesso a tre con le baby sitter e filmare il rapporto ed ha molestato la  figlia di appena 12 anni. Questo il racconto di una donna, di origine romena, durante il processo ad un imprenditore edile di 51 anni originario di Treviso. L’uomo è accusato di violenza sessuale. Il Gazzettino racconta la storia di questa donna e raccoglie la sua testimonianza sulle sevizie subite.

La donna, ora affidata ad una struttura protetta, ha detto in aula:

“In 10 anni ne ho viste di tutti i colori. L’allora compagno mi ha picchiata e costretta con la forza da avere rapporti sessuali. Giochi erotici spesso al limite della depravazione,. Ricordo che tante volte sono stata costretta a ad avere rapporti sessuali con lui e almeno un’altra donna. Cambiava spesso le baby sitter che diventavano le compagne dei nostri giochi erotici sessuali. In un’occasione mi ha costretta a filmarlo mentre faceva sesso con una delle baby sitter”.

Una testimonianza durata oltre due ore, da cui l’imprenditore si è difeso sostenendo la tesi delle gelosia:

“Mi ha filmato per incastrarmi. Gelosa della mia relazione con una delle nostre baby sitter”.

La conferma al racconto della donna, scrive il Gazzettino, arriva dalla testimonianza di una poliziotta:

“Si sente la voce dell’indagato che dà ordine alla compagna su come tenere la telecamera”.

Un’altra delle ipotesi di accusa, emersa durante l’incidente probatorio, riguarda le molestie alla figlia della donna, che all’epoca dei fatti aveva 12 anni, scrive il Gazzettino:

“Secondo l’accusa l’impresario si sarebbe appartato con la ragazzina e l’avrebbe costretta a soddisfarlo e a fare sesso orale. «Se parli, racconti a tua madre o a qualcuno dei nostri rapporti sessuali – l’aveva poi minacciata – vedrò di farti di peggio. Ti sverginerò anche se hai solo 12 anni”.