Maroni, Gasparri, La Russa, Ferrara: quando in piazza c’erano loro

Pubblicato il 19 ottobre 2011 11:20 | Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2011 12:45

ROMA – Diversi politici ed esponenti del centro destra, dopo gli incidenti tra black bloc e polizia di sabato 15 ottobre, chiedono il ritorno di leggi speciali che a seconda dei casi possano essere applicate durante i cortei. Scavando però negli archivi fotografici e tornando indietro di almeno venti anni, si scopre che la nostra classe dirigente è “a prova di manganello”, come scrive il 19 ottobre Il Fatto Quotidiano. La piazza è stata infatti una importante palestra politica per chi è destinato a ricoprire incarichi istituzionali.

Ciò è accaduto non solo negli anni caldi che anno dal 1968 alla fine degli anni 70: il 18 settembre del 1996, a finire a terra colpito dalla “suoi”  poliziotti è l’attuale ministro degli Interni Roberto Maroni. Prima di lui a scendere in piazza per contrastare anche fisicamente la polizia ci sono andati Ignazio La Russa, Maurizio Gasparri, Gianni Alemanno e Giuliano Ferrara: