Miss Italia nel Mondo: ecco le prime sette finaliste

Pubblicato il 20 Maggio 2011 13:07 | Ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2011 13:07

ROMA – Un’enologa, una professoressa di matematica e un’apprendista stilista. Sono tre delle belle e agguerrite quaranta finaliste che il 25 giugno si sfideranno per strappare la corona a Kimberly Castillo Mota.

Tra poco meno di un mese, nello scenario del lungo mare di Reggio Calabria, si intrecceranno le storie di quaranta ragazze unite dalle origini italiane e da un medesimo obiettivo: diventare la prossima ambasciatrice della bellezza italiana all’estero. Tra le finaliste di Miss Italia nel Mondo quest’anno ci sono anche un’enologa, una professoressa di matematica e un’apprendista stilista.

Le miss, che arriveranno in Italia nelle giornate del 12 e del 13 giugno, mostrano una grande indipendenza e chiarezza negli obiettivi da perseguire. «Studio per diventare enologa. In Italia non sono mai venuta prima e mi emoziona moltissimo questa opportunità», dice Marìa Valentina Di Paola Monassa, Miss Italia Argentina, un po’ sarda (da parte dei nonni materni) un po’ molisana (da parte di quelli paterni).

«Il mio sogno è quello di aprire una casa di moda, riconosciuta a livello mondiale. Saltuariamente mi capita di disegnare capi di abbigliamento per alcuni clienti locali, così faccio esperienza», racconta di se Anabel Vera Blanch, Miss Italia Austria, dalle origini in parte friuliane in parte della città di Bolzano.

C’è poi Livia Dushkoff-Natalini, Miss Italia Belgio, laureata in ingegneria del management e attualmente professoressa di matematica. Un curriculum con i fiocchi il suo. La “prof.” vanta anche un interessante background linguistico: olandese, francese, inglese e italiano, lingua quest’ultima che ha imparato da papà Luciano e mamma Rose-Marie, originari di Reggio Emilia e San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia. Si definisce una ragazza sorridente, ottimista e impulsiva, insomma «un’ italiana”vera”!».