Mondiali Sudafrica, ct Brasile: “Sesso e vizi per i giocatori, ma solo nei giorni liberi”

Pubblicato il 27 maggio 2010 19:36 | Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2015 19:12
dunga

Carlos Dunga

Sesso ai Mondiali? Sì, ma solo nei giorni liberi. Carlos Dunga non pone veti ai giocatori del Brasile. La Selecao è sbarcata proprio oggi a Johannesburg. Nella prima conferenza stampa, il ct della Selecao ha spiegato che i giocatori saranno liberi di decidere come occupare le loro giornate ‘off’. Perciò via libera al sesso, ma anche ad altri vizi. “Non è detto che a tutti piaccia il sesso, il vino o il gelato…”, ha detto Dunga sorridente.

“Ognuno fa ciò che vuole – aggiunge – Non c’è nessun problema nemmeno per quanto riguarda eventuali visite di parenti e amici”. Porte chiuse, invece, allo psicologo: “Pensate che uno psicologo in mezz’ora possa inculcare qualcosa nella testa di una persona che magari soffre da una vita? L’importante è aumentare la loro autostima e la fiducia”, è la risposta del ct.

E se Diego Maradona, ct dell’Argentina, promette di correre nudo a Buenos Aires in caso di vittoria ai Mondiali, Dunga bada al sodo: “Non ho nessuna promessa da fare. L’unica promessa è il lavoro”. L’obiettivo della Selecao è il sesto Mondiale: “Siamo il Brasile e dobbiamo vincere. Raggiungere la finale in un Mondiale non è facile, tutto può succedere. Gli ottimisti pensano che sia possibile, i pessimisti vedono solo la sconfitta. Come tutti i brasiliano, io penso positivo”. Dunga mette in atto la sua filosofia anche per rispondere a chi domanda di Kakà: “Sarà pronto per la prima partita, sono sicuro”, ha detto Dunga.