Nina Moric nuda nella doccia “per una giusta causa”: modella chiede soldi per CasaPound in Siria FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 dicembre 2017 13:28 | Ultimo aggiornamento: 6 dicembre 2017 13:28

ROMA – Nina Moric si fa fotografare nuda nella doccia per chiedere finanziamenti per una onlus promossa da CasaPound e che opera in Siria. La modella croata ha prima provato a postare su Facebook un lunghissimo messaggio riportato qui di seguito. La Moric ha visto però che il post non ha ricevuto la giusta attenzione  e così ha pensato di spogliarsi: “Facebook mi ha abbassato la visibilità del post precedente riguardante le donazione per la Siria. Ho pensato che era giusto combattere. Dateci un occhio. Nuda ma per una giusta causa”.

Ecco cosa aveva scritto nel post iniziale. La onlus si chiama Solidarité Identités. Ecco cosa scrive la Moric:

“POST SERIO che vi chiedo di far girare:
I prebenisti credono che chi mi segua sia un fascista cattivo o semplicemente un morto di figa, ho già avuto dimostrazione del fatto che si sbaglino, insieme abbiamo trovato lavoro a decine di italiani in quella fascia d’età in cui sembrava ormai impossibile, abbiamo comprato libri a bambini che non so senza di noi come avrebbero fatto, abbiamo comprato una carrozzina per i ragazzi disabili e un letto elettronico per un malato di SLA.
Abbiamo già fatto tanto, ma oggi vi chiedo un altro sforzo, soprattutto a chi non ha partecipato alle prime operazioni.
Sol.id la Onlus di cui faccio parte ha già regalato 4 ambulanze all’ospedale di Damasco, ora vogliamo fare qualcosa per i bambini di Aleppo, vogliamo dare il via alla ricostruzione di una strutturata per la loro istruzione, per farli giocare, per farli sentire di nuovo bambini.
Bambini che non scapperanno e che non verranno a cercare gloria in Europa, ma che da grandi si alzeranno le maniche e ricostruiranno uno dei paesi più belli del mondo, la Siria.
Mi rivolgo soprattutto a voi che ogni giorno mi offrite, cene, caffè, regali, kebab, aperitivi e qualsiasi genere di cosa, oggi il vostro caffè lo accetto volentieri, i soldi che vi ho fatto risparmiare usateli per un piccolo contributo a Sol.id, con bonifico o Pay Pal. Mi rivolgo anche alle tante piccole aziende che spesso mi scrivono di volermi pagare per sponsorizzare prodotti dietetici, t-shirt, costumi, assorbenti con le ali, yogurt che stimolano l’intestino, vibratori, occhiali da sole e qualsiasi cosa che io quasi mai ho accettato, siccome in Siria a Gennaio o Febbraio ci andrò anche io a portare i nostri contributi, mi farebbe piacere portarvi (i vostri prodotti)con me, per quei giorni intendo accettare qualunque collaborazione e i miei post avranno più visibilità, cosa molto importante per voi e il mio compenso lo donerò alla causa siriana. Siamo tanti e insieme possiamo fare veramente tanto, so che non mi deluderete”.