Papa: “Pedofilia? Capisco motivi di chi lascia la Chiesa”

Pubblicato il 22 Settembre 2011 10:32 | Ultimo aggiornamento: 10 Marzo 2015 18:11

Papa Benedetto XVI (Lapresse)

BERLINO – “Posso capire che, di fronte a crimini come gli abusi su minori commessi da sacerdoti, se le vittime sono persone vicine uno dica: questa non è la mia Chiesa, la Chiesa è una forza di umanizzazione e moralizzazione e se loro stessi fanno il contrario io non posso più stare con questa Chiesa”.

Così, sul volo che lo ha condotto a Berlino, Benedetto XVI ha risposto a una domanda dei giornalisti sull’aumento delle uscite dalla chiesa cattolica in Germania, anche in relazione allo scandalo pedofilia.

Il Papa ha sottolineato che l’allontanamento dei fedeli dalla Chiesa ha pero ”molteplici ragioni” e avviene in ”un contesto di secolarizzazione della nostra societa’ ”. Ha quindi invitato a consigliare che la Chiesa ”non e’ come le altre associazioni umane, non vi si sta solo per coltivare un proprio interesse”. Essa significa, ha proseguito, ”essere nella rete del Signore”. Una cosa ”che tocca il fondamento dell’essere umano”.

Ha anche sottolineato l’importanza di ”rinnovare la consapevolezza della specificita’ della Chiesa come popolo di Dio, e cosi’ – ha concluso – imparare a sopportare gli scandali e lavorare contro di essi”.

Cominciano i quattro giorni di viaggio nella sua Germania per papa Benedetto XVI. Un viaggio apostolico, il ventunesimo all’estero, in un Paese fortemente secolarizzato. In Chiesa la gente entra sempre di meno, alla Chiesa i tedeschi rimproverano gli scandali, la pedofilia, le riforme “scismatiche” li confondono. Sono anni che i preti stentano a costruire un rapporto con i fedeli, ce ne sono sempre di meno tra i banchi e chi c’è chiede cambiamenti che però dividono sacerdoti e gerarchie ecclesiastiche. La pedofilia, il ruolo delle donne nella Chiesa, i gay, gli aiuti alle vittime degli abusi perpetrati dal clero: sono tanti gli scogli che dovrà affrontare il Papa davanti alla sua Germania.

E’ una Chiesa ferita quella tedesca, colpita dallo scandalo pedofilia, tanto che si parla di un possibile nuovo incontro del Papa – naturalmente non confermato – con alcune vittime di preti pedofili. Ad aspettare il Pontefice, inoltre, ci sono anche le proteste in programma a Berlino contro la morale sessuale della Chiesa, specie sui gay, come pure l’annunciato boicottaggio del suo discorso al Bundestag da parte di un gruppo di parlamentari della Linke e dei Verdi che vi vedono una lesione della laicita’ dello Stato. La prima tappa del viaggio è Berlino, cui seguiranno nei prossimi giorni Erfurt e Friburgo, e la sua presenza nella capitale fa assumere al viaggio anche le caratteristiche di vista ufficiale di Stato.

Nella capitale federale il Pontefice incontrerà sia il capo dello Stato Christian Wulff che la cancelliera Angela Merkel, mentre particolarmente atteso è il discorso che terra’ nel pomeriggio al Bundestag, primo suo intervento in un’assemblea parlamentare, occasione verso la quale un centinaio di parlamentari della Linke e dei Verdi hanno annunciato il boicottaggio. Sempre nel Palazzo del Reichstag, Benedetto XVI vedrà i rappresentanti della comunita’ ebraica. Quindi il grande appuntamento pubblico con la messa alle 18.30 all’Olympiastadion, davanti a non meno di 80-90 mila persone. Segui le notizie di politica? Allora “vota” Blitz: resta sempre aggiornato sul tuo leader o sul tuo partito preferito. Vai a questa pagina, clicca su ‘Mi piace’ sotto lo faccia del politico o il simbolo del partito che ti interessa e riceverai ogni giorno le ultime notizie direttamente sulla tua bacheca Facebook.