Parroco accusato di pedofilia a Brindisi: Le Iene avevano cercato di stanarlo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 ottobre 2014 16:06 | Ultimo aggiornamento: 29 ottobre 2014 16:17
Parroco accusato di pedofilia a Brindisi: Le Iene avevano cercato di stanarlo

Parroco accusato di pedofilia a Brindisi: Le Iene avevano cercato di stanarlo

BRINDISI – Un sacerdote di 72 anni, parroco in una chiesa del centro di Brindisi, è indagato per abusi su minori. E nei confronti del religioso, nella mattinata di mercoledì 29 agosto, è scattata una perquisizione. Nell’abitazione del religioso sono arrivati i carabinieri che hanno E sequestrato materiale, anche di tipo informatico.

A firmare la richiesta di perquisizione è stato il pm brindisino Giuseppe De Nozza. Un particolare non trascurabile: l’inchiesta sarebbe partita a settembre e in quei giorni, a Brindisi, c’era una troupe della trasmissione televisiva Le Iene.

Sapevano Le Iene, probabilmente su segnalazione di qualche cittadino, che qualcosa non tornava in quella parrocchia. Sapevano e provarono a parlare col religioso. Senza successo visto che il religioso si barricò in chiesa senza rilasciare nessuna dichiarazione.

L’inchiesta però è partita comunque. Anche perché c’è  la denuncia di una presunta vittima degli abusi risale a poco prima dello scorso 15 settembre quando una troupe della trasmissione  fu avvistata a Brindisi.

Il Dagli accertamenti eseguiti in seguito, anche attraverso l’ascolto di alcuni parrocchiani che avrebbero fornito conferme agli investigatori, è emerso materiale indiziario tale da ritenere necessario un ulteriore approfondimento attraverso l’acquisizione di materiale in possesso del sacerdote e della curia arcivescovile.