photogallery

Pedofilia: “Colpa di Pio X che impose la confessione a 7 anni”, John Cornwell

Pedofilia: "Colpa di Pio X che impose la confessione a 7 anni", John Cornwell

Pedofilia: “Colpa di Pio X che impose la confessione a 7 anni”, John Cornwell

LONDRA – Alla ricerca di una causa prima, di una scaturigine iniziale che spieghi la diffusione della pedofilia negli ambienti ecclesiastici, farà discutere la tesi di uno scrittore inglese cattolico, John Cornwell, che accusa direttamente Papa Pio X quale responsabile maggiore della deriva morale che tante giovani vittime ha provocato (e, a distanza di anni tanto scandalo e rovinose richieste di risarcimento danni). Cosa c’entra Pio X? Secondo Cornwell, la sua decisione dottrinaria del 1910 di imporre l’istituto della confessione già a partire dai 7 anni, sta all’origine dei futuri abusi.

Nell’articolo (leggi qui) apparso sul Daily Mail (“Come un papa chiamato Pio trasformò i confessionali in un paradiso per pedofili”) all’indice finisce la volontà di esporre bambini inconsapevoli alla mercé di adulti cui veniva lasciato campo libero nell’imbeccare, suggerire ai giovani confessandi complessi sessuali di cui discutere nel segreto di uno spazio privato. Con vantaggi ovvi per la bramosia insoddisfatta di sacerdoti con inclinazioni di un certo tipo. Per corroborare la sua tesi Cornwell, prima di individuare il momento storico decisivo, pesta il tasto della propria esperienza personale:

Al convitto della mia infanzia nei tardi anni ’50, c’era un jolly (giocondo, gaio, ndr.) sacerdote che riceveva la confessione nella sua stanza piuttosto che nel confessionale. Dopo aver ascoltato la mia lista di peccati insignificanti mi chiese se avessi mai tentato di commettere peccati sessuali su me stesso. Mi suggerì allora di tirare fuori il mio pene in modo che potesse esaminarlo ed appurare se fossi soggetto ad erezioni improvvise. Lasciai la stanza immediatamente. L’anno dopo, una volta che le sue inclinazioni vennero allo scoperto, il prete fu rimosso dal vescovo e trasferito in un’altra scuola. (John Cornwell, The Daily Mail)

To Top