Pene, 12 problemi che rovinano il sesso: dalla rottura al misto sangue-sperma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Maggio 2015 13:03 | Ultimo aggiornamento: 27 Maggio 2015 13:03
Pene, 12 problemi che rovinano il sesso: dalla rottura al misto sangue-sperma

Pene, 12 problemi che rovinano il sesso: dalla rottura al misto sangue-sperma

ROMA – Pene che si rompe, sperma misto a sangue. E ancora: pene che non si alza, pene che non si abbassa. O eiaculazione che non arriva mai. Sono tanti i problemi in cui possono incappare gli uomini durante un rapporto sessuale. Ce ne sono di più o meno seri, più o meno risolvibili. Il quotidiano Libero, in particolare, ne ha elencati 12. Non sono in ordine né di frequenza né di serietà. Si tratta solo di un parziale, a volte doloroso, elenco di possibili imprevisti

  1. Pene rotto. Succede di rado, ma se succede uno non lo dimentica. Fa malissimo e bisogna subito correre in ospedale. E’ la cosiddetta sindrome del “chiodo rotto”: durante l’amplesso il pene si spezza e diventa di colore blu o nero.
  2. Alcool. Non è amico del sesso, anzi. Bere troppo rende l’erezione, e quindi il rapporto sessuale, praticamente impossibile.
  3. Sperma e sangue. Anche qui c’è un nome: si chiama emospermia. E a vederlo fa abbastanza paura: durante l’eiaculazione il liquido seminale è misto a sangue. Può dipendere da una infiammazione alla prostata o ad altre ghiandole. Opportuno andare dal medico
  4. Pene puffo. A leggerlo fa ridere, a viverlo un po’ meno. E’ la “congestione prostatica”: i testicoli diventano blu. Succede quando c’è una lunga stimolazione sessuale senza eiaculazione. I rimedi sono semplici: terminare il rapporto oppure, se impossibile, concedersi una doccia fredda.
  5. Eiaculazione ritardata. Il primo consiglio è masturbarsi meno. Spesso e volentieri, però, anche i farmaci aiutano
  6. Eiaculazione precoce. Ne esistono fondamentalmente due tipi: quella acquisita e quella con cui si convive. In questi casi la terapia migliore è quella farmacologica. Funzionano anche prodotti ritardanti da applicare direttamente sul pene
  7. Pene curvo. Attenzione, non si tratta di una normale curvatura ma di una vera e propria malattia quella di Payronie: la curva del pene che si sviluppa in concomitanza con erezioni dolorose, causata dalla formazione di cicatrici interne.
  8. Pene che prude. E’ colpa della scarsa igiene. Causa arrossamenti, pruriti e peggio. Si rischiano infezioni, funghi, scabbia, pidocchi, batteri, ma anche virus.
  9. Attenzione a strani liquidi che escono dal pene. Se non è sperma e non è urina potrebbe trattarsi di gonorrea o clamidia, infezioni trasmesse sessualmente
  10. Piercing al pene. Può creare problemi. Il più diffuso è la  fistola uretrale, riparabile con un intervento chirurgico.
  11. Impotenza. Può dipendere da fattori psicologici (più spesso) o organici come problemi vascolari, neurologici o ormonali.
  12. Priapismo. E’ l’erezione che non passa mai. Neppure a rapporto finito. Non è una benedizione: è dolorosa.  Dura più di quattro ore e può verificarsi dopo aver preso viagra o quando si hanno problemi di circolazione sanguigna, come ad esempio l’anemia falciforme.