photogallery

Pier Silvio Berlusconi vs Barbara D’Urso: “Basta sesso o chiudo Domenica Live”

Pier Silvio Berlusconi vs Barbara D'Urso: "Basta sesso o chiudo Domenica Live"

Pier Silvio Berlusconi vs Barbara D’Urso: “Basta sesso o chiudo Domenica Live”

ROMA – “Basta servizi sul sesso o chiudo la Domenica Live di Barbara D’Urso“. Pier Silvio Berlusconi dai vertici di Mediaset  bacchetta la D’Urso e i programmi come Domenica Live, più simile ormai ad una “Domenica Hard“, e Lucignolo, rei di proporre al pubblico servizi troppo a luci rosse. Così dopo le lamentele del Moige, Movimento italiano dei genitori, ecco che anche Pier Silvio richiama la D’Urso all’ordine e chiede un palinsesto con meno sesso e più contenuti.

Renato Franco scrive sul Corriere della Sera:

“Domenica pomeriggio davanti alla tv c’era un Pier Silvio Berlusconi prima incredulo poi sempre più scuro in volto per quello che stava accadendo nel programma di Canale 5 (Domenica Live ) con servizi a senso unico in cui si parlava solo di sesso. A quel punto il vicepresidente Mediaset ha vivisezionato il palinsesto e la sera si è trovato di fronte a un altro programma (Lucignolo , su Italia 1) che non ha trovato consono alla linea editoriale del gruppo. Il risultato è la riunione convocata ieri (21 gennaio, ndr) a Cologno Monzese con i massimi responsabili delle news dove il discorso da Domenica Live si è allargato anche a Lucignolo e dove Pier Silvio Berlusconi ha fatto capire chiaramente che così non si può andare avanti e ha sottolineato tutti gli errori commessi”.

Tutto inizia con le lamentele del Moige, Movimento italiano dei genitori, che ha parlato di “una delle pagine più tristi e trash della nostra tv”:

“Una domenica «a sesso unico» scandita da servizi su molestie e abusi, sulla clinica per i «malati di sesso», i parcheggi dell’amore, la donna poli-amorosa… Lunedì era stata aperta un’inchiesta interna il cui risultato è stata la riunione di ieri. Nei prossimi giorni non si escludono anche iniziative drastiche come l’azzeramento della linea di comando: il direttore di Videonews Mario Giordano, arrivato lo scorso giugno, è il principale indiziato”.

La D’Urso continua a difendersi e all’Alfonso Signorini Show su Radio Monte Carlo ha dichiarato:

“«Io ero un pochino al di fuori perché non avevo visto tutti i servizi perché non erano arrivati in tempo, ma mi piacerebbe anche che ogni tanto, oltre alle polemiche che ci stanno, si raccontassero anche storie tipo quella di Paola che ha messo in vendita il suo rene per salvare il suo fidanzato in coma e Pomeriggio 5 ha fatto in modo che i telespettatori le consegnassero più di 100.000 euro per aiutare questo ragazzo. Accade anche questo. Poi magari c’è una piccola scivolatina. Io chiedo perdono, ma siccome ci metto la faccia, difendo il mio programma e la mia squadra. Chiedo comunque scusa a nome mio e a nome di tutti»”.

To Top