--

Porno vietato in Europa: l’Ue ci pensa e scoppia la polemica

Pubblicato il 9 Marzo 2013 16:03 | Ultimo aggiornamento: 22 Aprile 2020 9:34

ROMA – Il solo rischio che si possa arrivare un giorno a vietare il porno in Europa ha provocato uno tsunami di proteste dei cittadini contro il Parlamento europeo costretto a mettere dei filtri alle sue caselle di posta elettronica perchè subissate da centinaia di migliaia di messaggi a difesa della libertà della rete. Tutto nasce da una risoluzione “non vincolante”, cioè una presa di posizione politica che quindi non ha alcun vincolo legislativo, che il Parlamento voterà martedì prossimo.

Si chiama “Mozione per eliminare gli stereotipi di genere in Ue”, e chiede agli Stati membri di fare ogni sforzo per eliminare la discriminazione delle donne dalla pubblicità e chiede il bando di ogni forma di pornografia dai media.

Preoccupati dalla libertà di diffondere contenuti in rete che con un simile bando verrebbe messa in discussione, migliaia di cittadini hanno scritto email di protesta ai parlamentari: oltre 600 mila in soli tre giorni, un vero attacco iniziato giovedì scorso e che ha costretto il Parlamento ad innalzare le difese filtrando le caselle di posta degli eurodeputati.

La vicenda ha messo in allarme il Parlamento che, ammettendo confidenzialmente di aver scelto parole poco felici e troppo generiche per la sua risoluzione, sta monitorando la situazione in vista di martedì, con il timore di attacchi hacker ai suoi siti web.