Primavalle (Roma): alunne accusano: “Il prof ci molesta”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 febbraio 2015 12:31 | Ultimo aggiornamento: 13 febbraio 2015 12:31
L'articolo del Messaggero

L’articolo del Messaggero

ROMA – Tre studentesse di quindici e sedici anni dell’istituto commerciale Stendhal di Primavalle hanno accusato un professore di tecnica pubblicitaria, come racconta Adelaide Pierucci del Messaggero, di violenza privata e violenza sessuale. “Carezze sui capelli – scrive Adelaide Pierucci del Messaggero – una sculacciata, fino al tentativo di abbordaggio su un autobus in cui il prof sarebbe passato ad avances più pesanti”.

“Mi ha dato quel colpetto al sedere – ha raccontato un studentessa come scrive il Messaggero – Era un gioco, uno scherzo, che forse doveva sembrare simpatico, spiritoso. Ma non credo che i compagni di classe si siano resi conto di nulla. Nell’ora del prof eravamo tutti in piedi, c’era molto movimento. Poi da altri ho saputo che sempre lo stesso prof era salito su un autobus e aveva preso la mano di una sua alunna per portarsela sui pantaloni”.

Scrive Adelaide Pierucci: “Per il prof per ora solo una magra consolazione: il pm di aula Luigi Fede, dopo aver ascoltato la ragazza molestata sull’autobus, ha corretto il capo di imputazione specificando che la violenza sessuale sarebbe stata tentata e non consumata. Il prof, insomma, «ha cercato di avvicinare la mano della allieva alle sue parti intime al fine di farsi toccare senza però riuscirci a causa della ferma resistenza della persona offesa».  L’avvocato Fabrizio Lemme che assiste l’insegnante, ha calcolato anche il tragitto scuola-casa della ragazzina che ritiene di essere stata infastidita sull’autobus: «Dura appena venti secondi».”