Processo escort: Berlusconi non vuole foto e non risponde. D’Addario lo evita

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2015 13:14 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2015 13:15
Processo escort: Berlusconi non vuole foto e non risponde. D'Addario lo evita

Processo escort: Berlusconi non vuole foto e non risponde. D’Addario lo evita

BARI – Ha chiesto di non essere ripreso e in aula ha preferito non rispondere alle domande del pm. Silvio Berlusconi è arrivato a Bari per il processo escort, una presenza che avrebbe voluto evitare ma che il giudice ha reso obbligatoria tanto da aver disposto l’accompagnamento coatto. L’ex premier insomma non poteva mancare. Appena arrivato in aula ha chiesto di non essere ripreso e quindi il presidente della Corte Luigi Forleo in apertura di udienza ha chiesto che non si facessero video o foto.

Dopo aver fornito le proprie generalità, nome, cognome e residenza, Silvio Berlusconi – come già anticipato – ha detto al presidente Luigi Forleo e ai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Bari di non intendere rispondere alle domande. Citato come testimone, Berlusconi non è tuttavia un teste puro in quanto imputato in un procedimento connesso, quello per induzione a mentire.

Stando alla ipotesi accusatoria dei magistrati baresi, l’ex premier in concorso con l’ex direttore de L’Avanti Valter Lavitola, avrebbe indotto Gianpaolo Tarantini a rendere dichiarazioni mendaci ai pm che indagavano sulle escort. Berlusconi si è trattenuto per meno di due minuti nell’aula di giustizia del Tribunale di Bari. Ha detto di aver deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere su consiglio dei suoi difensori, gli avvocati Niccolò Ghedini e Francesco Paolo Sisto.

Patrizia D’Addario è arrivata nel palazzo di giustizia di Bari proprio mentre Silvio Berlusconi se ne andava da un’uscita laterale. “Sono arrivata tardi apposta – ha detto ai giornalisti all’ingresso Patrizia D’Addario – perchè non volevo incontrarlo”. “La mia vita – ha aggiunto la donna – è stata rovinata e questo messaggio glielo invierò in una lettera”.