Prostituta partorisce e torna a lavorare dopo mezz’ora

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 gennaio 2018 6:42 | Ultimo aggiornamento: 3 gennaio 2018 19:46
prostituta

Prostituta partorisce e torna a lavorare dopo mezz’ora

LONDRA – Nel Regno Unito, una prostituta, mezz’ora dopo aver partorito, torna a lavorare in un malfamato quartiere a luci rosse: è solo una delle disperate situazioni rivelate dal Police Community Support Office.
Jacqui Fairbanks, poliziotto di quartiere, per dieci anni ha aiutato le prostitute a Hull’s Hessle Road e sostiene che attualmente circa 40 lavorano nella zona in varie occasioni.

Molte donne provengono da ambienti in cui sono stati abusate fisicamente e sessualmente mentre altre sono senzatetto e dormono sui divani.
I problemi mentali sono frequenti, compresi quelli che riguardano lo spaccio o la coercizione da parte di protettori e compagni, ha spiegato l’agente.

“Una donna ha avuto un bambino e, nel giro di mezz’ora, è tornata al lavoro. Alcune sono disperate”, ha riferito al Daily Mail.
“Non stiamo parlando di Pretty Woman, temo. Non arriveranno ricconi che toglieranno queste donne dalla strada e vivranno felici e contenti”.
“La loro autostima è così bassa che si accontentano delle attenzioni che ricevono ed è davvero triste”.
Fairbanks, afferma che l’età delle donne varia tra i 20 e i 30 anni a due che sono sulla sessantina ma “per fortuna non ci sono ragazzine”.
Quando si parla di clienti, dice: “Ci sono ragazzi di 17 o 18 anni ma la fascia d’età sale a 80 anni. Alcuni sono ricchi, altri disoccupati”.

L’agente sostiene che “c’è la convinzione che queste donne ricevano dei benefit, ma non sempre è così. Per molte, questa è l’unica fonte di reddito”. E’ confortato, tuttavia che gli episodi violenti nei confronti delle prostitute siano diminuiti:”Ci saranno sempre protettori loschi e compagni violenti ma le donne ora sono pronte a dire alla polizia se sono state abusate”.
“Dall’ultimo omicidio di una prostituta sono passati circa dieci anni”.
Nel 2014 una sentenza storica prevede l’arresto di prostitute, o di chi guida per le strade in cerca di una donna a pagamento, che violano l’ordine vagabondando, sollecitando o facendo sesso.
Al fine di stanare i potenziali clienti in macchina che si avvicinano alle prostitute, sono stati impiegati degli agenti in borghese ma il progetto a lungo termine è quello di far frequentare dei corsi a chi va in cerca di lucciole e non spedirli in tribunale.