Scilipoti e Marra protestano davanti alla Camera contro la tracciabilità

Pubblicato il 6 Dicembre 2011 13:34 | Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre 2011 16:37

ROMA – La campagna di Domenico Scilipoti e Luigi Alfonso Marra contro il signoraggio bancario non conosce sosta.

La sera del 5 dicembre l’avvocato Marra, il creatore degli spot “culto” che vedono la partecipazione di icone come Manuela Arcuri, Ruby Rubacuori e Sara Tommasi è intervenuto alla trasmissione “La Zanzara” in onda su radio24 e condotta da Cruciani e Parenzo.

La mattina del 6 dicembre invece,  il leader dei Responsabili Domenico Scilipoti ha inscenato una protesta davanti alla Camera dei deputati contro la tracciabilità a mille euro decisa dal governo Monti: “Deputati e senatori stanno usando i drammatici argomenti delle pensioni e delle tasse per creare un polverone che distolga dal vero motivo per il quale le banche hanno imposto Monti come presidente del Consiglio: ovvero la legge che vieta l’uso del contante oltre i mille euro” spiegano Scilipoti e Marra in un comunicato. “I pagamenti mediante carta di credito o altri sistemi bancari equivalgono, per ogni pagamento che si fa, a una creazione di una pari somma in denaro virtuale a vantaggio della banca: un fenomeno gravissimo, che si chiama signoraggio terziario” ha ribadito Marra, presente anch’esso alla protesta davanti a Montecitorio, che ha aggiunto: “Sono cifre enormi, perché corrispondono all’ammontare di tutti i pagamenti tra 1000 e 2500 euro che ogni giorno vengono fatti in contanti”.

Ad accogliere il re dei peones c’era anche la “mitica” Annarella, la nonnina anti-casta diventata un’eroina del web (foto LaPresse):