Firenze, due ragazzi fanno sesso in piazza: tutto è cominciato con un tweet

Pubblicato il 4 Luglio 2012 11:41 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2012 11:52

FIRENZE – Il sindaco di Firenze Matteo Renzi critica il comportamento dei due consiglieri della Lega Nord che hanno condiviso su Twitter alcune foto che ritraggono due giovani, probabilmente stranieri e ubriachi, che fanno sesso all’aperto sotto la statua di Dante in piazza Santa Croce.

I due consiglieri scrivono: “Piazza Santa Croce è fuori controllo. Una delle piazze pià belle d’Italia, vanto e orgoglio di Firenze, è diventata un bordello all’aperto”.

Il sindaco Renzi prima ha promesso di verificare quanto accaduto ed ha risposto ai due consiglieri: “Non è un aiuto al decoro mettersi a fare le foto invece di avvertire la polizia municipale”. La scena è stata condivisa da Federico Bussolin e Mario Razzanelli (capogruppo del Carroccio in Palazzo Vecchio) che hanno anche inviato, via Twitter, gli scatti al sindaco. “Lega guardona”, hanno commentato ironicamente gli utenti.

“Se ci sono due persone ubriache che si mettono a fare sesso in pubblico” ha osservato Renzi, rispondendo alle domande dei giornalisti, “il consigliere della Lega che li vede ha due alternative: prendere il telefonino e chiamare i vigili urbani, il 113 o il 112, oppure fare le foto con il telefonino. Personalmente, se mi trovassi in una situazione del genere, chiamerei i vigili urbani perché possa esserci un intervento e di conseguenza si possa riportare l’ordine e il decoro”.

5 x 1000

Il problema è che molti hanno optato per altre soluzioni: “Vedo che in tanti” ha concluso il sindaco, “anche il consigliere comunale della Lega, hanno deciso di tirar fuori il cellulare e fare le foto: avranno scatti molti belli su internet, ma forse non hanno aiutato molto il decoro per il quale vorrebbero combattere”.

I tweet di Bussolin e Razzanelli, sicuramente continuerà a far discutere. La notizia, nata grazie al social network, sicuramente farà il giro del mondo ed arriverà lontano in maniera rapida e veloce. Proprio come un tweet.