Talking Angela, un pedofilo dietro app per bimbi. Denuncia genitori a Rovigo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 marzo 2014 17:42 | Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2014 17:48
Talking Angela, un pedofilo dietro app per bimbi. Denuncia genitori a Rovigo

Talking Angela, un pedofilo dietro app per bimbi. Denuncia genitori a Rovigo

ROVIGO – Un pedofilo dietro la app per bambini Talking Angela: è la paura di molti genitori di Rovigo, che si sono rivolti alla Polizia Postale della città veneta. Dicono di aver visto, negli occhi della gattina con cui chattano i loro figli su smartphone e tablet, la sagoma di un uomo di mezza età, seduto in una specie di ufficio, con una libreria alle spalle, riferisce Il Resto del Carlino.  

A turbare genitori e bimbi, tutti intorno ai dieci anni, sono anche le domande intime che vengono poste dalla gattina in chat, con la richiesta esplicita di informazioni personali, come nome, cognome e indirizzo, ed in un caso anche la proposta di un incontro.

Dalla società che produce Talking Angela, la Outfit 7, parlano di un possibile attacco hacker, che potrebbe anche scattare foto dei piccoli, visto che insieme alla app si attiva una webcam.

Le denunce dei genitori sono al vaglio degli esperti di sicurezza del web a livello internazionale.