Treviso, mani nelle mutande contro mal di testa. Accusato di violenza sessuale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 settembre 2014 12:10 | Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2014 12:11
Castelfranco: istruttore metteva le mani negli slip durante un massaggio per il mal di testa

Istruttore metteva le mani negli slip durante un massaggio: accusato di violenza sessuale

TREVISO – Un istruttore di palestra è stato accusato di violenza sessuale perché avrebbe toccato nelle parti intime una ragazza durante un massaggio.

L’uomo, istruttore nonché gestore di una palestra a Castelfranco, in provincia di Treviso, secondo l’accusa di una sua cliente, avrebbe terminato il massaggio, che avrebbe dovuto sconfiggere il mal di testa, con le mani negli slip della donna. Per questo l’uomo è stato denunciato dalla sua paziente e verrà processato e dovrà rispondere dell’accusa di violenza sessuale ai danni della sua cliente.

“Quei massaggi a luci rosse contro l’emicrania sono riconducibili ad una violenza sessuale”, sono queste le parole usate dal giudice Angelo Mascolo per ordinare l’imputazione del titolare della palestra. Il pm Francesca Torri, invece, aveva chiesto per ben due volte che il procedimento venisse archiviato in quanto riteneva che le accuse fossero insussistenti.

Il giudice, invece, ha deciso che l’uomo, che verrà assistito dai legali Alessandro Corsi e Roberto Suraci, dovrà essere processato per violenza sessuale. Si tratta, infatti, di un fatto estremamente grave, che va a ledere la dignità della paziente dell’uomo, ma che soprattutto costituisce un atteggiamento profondamente scorretto e poco professionale da parte di un professionista a cui i pazienti si affidano per trovare un rimedio alle proprie sofferenze.