VIDEO choc YouTube “Essere Animali”: visoni nelle gabbie muoiono in camere a gas

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 febbraio 2015 18:20 | Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2015 18:26
Visoni nelle gabbie muoiono in camere a gas

Visoni nelle gabbie muoiono in camere a gas

ROMA – L’associazione animalista “Essere animali” mostra un video realizzato con le telecamere nascoste, in cui si vede come muoiono i visoni allevati per le pellicce. Nel filmato si vedono dei capannoni stretti e lunghi. Intorno c’è la campagna e all’interno questi animali allevati in gabbie di metallo che, come prevedere la legge, sono larghe 36 cm, profonde 70 e alte 45 centimetri. Qui dentro i visoni vivono giusto il tempo per essere pronti ad essere uccisi e scuoiati in delle vere e proprie camere a gas.

Come spiega Essere Animali, gli allevamenti sono diffusi prevalentemente tra Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna:

“Lo scopo di questa investigazione frutto di numerosi appostamenti è quello di alimentare un dibattito pubblico e politico, che possa spingere il Governo ad abolire l’attività di allevamento di animali da pelliccia, una pratica crudele già vietata in altri sei stati europei”. 

Aggiunge il Corriere della Sera citando ancora l’inchiesta dell’associazione animalista

5 x 1000

“Come in ogni allevamento intensivo, anche i visoni vengono allevati a migliaia in file di gabbie di metallo piuttosto piccole (…) Se in natura i visoni vivono nelle foreste vicino a fiumi e ruscelli (sono eccellenti nuotatori) e coprono in un giorno distanze fino a 20 chilometri, negli allevamenti passano l’intera vita in gabbia dove mangiano, bevono, dormono, si accoppiano. Se vengono selezionati per la riproduzione vivono in queste gabbie per tre, quattro anni, fino a quando verranno a loro volta uccisi. Se invece vengono scelti per la sola produzione della pelliccia la loro vita si riduce a pochi mesi, dalla nascita che avviene tra aprile e maggio, fino all’autunno”.

 Ecco il filmato pubblicato da “Essere Animali” e sconsigliato ad un pubblico sensibile: