VIDEO Youtube Danza del ventre, troppo seno e cristiana…

Pubblicato il 5 Settembre 2015 12:11 | Ultimo aggiornamento: 5 Settembre 2015 12:48
VIDEO Yu tube- Danza del ventre, troppo seno: va in carcere

Shakira egiziana: 6 mesi di carcere per un video troppo osé

CAIRO – Un video di danza del ventre può portare dritti in carcere non solo la danzatrice, ma anche il cameramen e chiunque vi abbia avuto a che fare.
Da mesi si ripetono sentenze di questo tipo in nome della moralità pubblica. Spesso le ballerine di danza del ventre sono cristiane, spesso non egiziane e questo è certamente una aggravante in un Egitto dove i cristiani copti sono una significativa minoranza nel mirino delle autorità dai tempi dei Fratelli Musulmani al governo.

L’ultima sentenza contro danzatrici del ventre è di giovedì 3 settembre. Riferisce la Bbc che sono state condannate a 6 mesi di prigione ciascuna Suha Mohammed Ali e Dalia Kamal Youssef, in arte Shakira l’”egiziana” e Bardis. Anche il cameramen è stato condannato a 6 mesi. Un uomo che compare in un video e lo ha prodotto è stato condannato in contumacia a un anno. Sembra sia riuscito a rifugiarsi in Tunisia.

L’accusa, riferisce Maurizio Molinari da Gerusalemme per la Stampa di Torino, era di avere indossato “vestiti succinti” e assunto atteggiamenti “discinti” ed era stata presentata da un avvocato Mohamed el-Nemr. Per questo le due ballerine si sono rese colpevoli di

“violazione della morale pubblica” e “danno all’immagine dell’Egitto”. Shakira “l’egiziana” è in particolare nota per il video musicale della canzone popolare “Felfel we El Kamoun” mentre Bardis appare nel video “Ya Wad Ya Te2eel” che sono stati, entrambi, considerati “senza vergogna” dal tribunale presieduto dal giudice Mohammed Fathi”.

Se si guardano i video con occhi assatanati, non si può certo dare torto al giudice.

Nel marzo del 2015 un’altra danzatrice famosa, Safinaz, che non è egiziana ma armena e quindi cristiana, era stata condannata anch’essa a 6 mesi per insulto alla bandiera nazionale per avere danzato coprendosi con la bandiera. In Italia, ai primi del ‘900, la cantante Gea della Garisenda incitò i fanti italiani a imbarcarsi per la guerra di Libia cntanto nuda avvolta nel tricolore bandiera d’Italia.

Un’altra danzatrice, Salma el-Fouly, è stata condannata in luglio anch’essa a 6 mesi per un video in cui indossava poco più di nulla mentre si prendeva gioco di un gruppetto di spasimanti.