Wang Yu-Chun, maitresse Mogliano Veneto condannata grazie al cliente innamorato

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Maggio 2015 15:43 | Ultimo aggiornamento: 27 Maggio 2015 15:43
Wang Yu-Chun, maitresse Mogliano Veneto condannata grazie al cliente innamorato

Wang Yu-Chun, maitresse Mogliano Veneto condannata grazie al cliente innamorato

TREVISO – Aveva perso la testa per una ragazza conosciuta in una casa di appuntamenti a Marghera (Venezia), ma dopo una retata della polizia la giovane era sparita nel nulla. L’ha cercata per mari e per monti e dopo un anno è arrivato disperato a quell’indirizzo di Mogliano Veneto, in provincia di Treviso. Così il cliente innamorato ha portato, inconsapevolmente, i carabinieri in casa di Wang Yu-Chun, maitresse cinese di Mogliano, accusata di sfruttamento della prostituzione di diverse giovani connazionali nel suo appartamento in via Ronzinella.

Ieri, 26 maggio, il Tribunale di Treviso l’ha condannata a due anni e due mesi di reclusione per sfruttamento della prostituzione, pena patteggiata dalla donna contro i 4 anni chiesti dal pm.

Ad incastrarla anche se involontariamente era stato proprio quel giovane innamorato. E’ stato lui a recarsi in quel palazzone in via Ronzinella per chiedere notizie della sua innamorata, ma per evitare spiacevoli inconvenienti ha chiesto ad un amico carabiniere di accompagnarlo. E’ così che alla porta di quell’appartamento ha fatto la conoscenza di Wang Yu-Chun. La donna gli ha spiegato che anche lei aveva perso ogni traccia della ragazza scomparsa ma che era ben lieta di presentargli altre giovani in grado di alleviare le sue pene d’amore perduto. E’ così che il carabiniere in borghese ha realizzato di essere finito in una casa di appuntamenti.

E’ scattata un’indagine dei Carabinieri che, una volta raccolte prove sufficienti, hanno proceduto all’arresto della donna, con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Ieri la condanna.