Attentato Germania, il padre del terrorista: “Dava sempre la colpa agli altri”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Ottobre 2019 16:02 | Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2019 16:12
Stephan Balliet, Ansa

Stephan Balliet durante l’attentato (foto Ansa)

ROMA – Dava sempre la colpa agli altri, non aveva amici, stava spesso davanti al computer, era chiuso anche con i parenti più stretti e aveva avuto problemi di salute: così il padre di Stephan Balliet descrive l’attentatore anti-semita di Halle. Descrizione riportata dal sito del quotidiano Bild.

“Non era mai in pace né con sé né col mondo, dava sempre la colpa agli altri”, ha raccontato il padre di Stephan Balliet. Padre che un giornalista del quotidiano ha incontrato e filmato a Benndorf, nei pressi della città della Sassonia Anhalt teatro dell’attacco con due morti e due feriti di ieri.

“Il ragazzo era sempre online”, ha riferito ancora l’uomo rievocando che “si litigava sempre, la mia opinione non contava. Non riuscivo più a entrare in contatto con lui”. Balliet, racconta la Bild, è nato ad Eisleben, sempre in Sassonia-Anhalt, e abitava con sua madre a Helbra, a soli 14 chilometri da Halle. I genitori si erano separati e il giovane si era diplomato, aveva studiato chimica per due semestri ma poi aveva dovuto interrompere per “una grave operazione allo stomaco”.

Il killer – poi fermato dalla polizia – ha filmato la propria azione per 35 minuti – e nel video, postato su un sito di videogame, lo si sente urlare prima di aprire il fuoco che “la radice di tutti i problemi sono gli ebrei”.

Fonte: Ansa, Bild.