Barroso: dalla Ue 480 Milioni di Euro per ricostruire l’Abruzzo

Pubblicato il 19 maggio 2009 20:41 | Ultimo aggiornamento: 19 maggio 2009 20:41

«Per quanto riguarda la questione relativa agli aiuti statali siamo pronti, se c’è una richiesta specifica dell’Italia, a valutare una eventuale zona franca». Lo ha affermato il presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso, durante l’incontro con Silvio Berlusconi a L’Aquila. «Secondo me però – ha aggiunto Barroso- è più importante attivare i meccanismi che esistono già, che sono consistenti e generosi».

Sempre secondo Barroso, «se sarà confermata la stima dei danni in 10 miliardi di euro, l’Italia riceverà dall’Unione europea 480 milioni provenienti dal Fondo europeo di solidarietà» . «La Commissione europea – ha aggiunto Barroso – sta fornendo tutto l’aiuto possibile all’Italia.  L’Europa è presente e sta attivando tutti gli strumenti a sua disposizione: Fondo europeo di solidarietà, fondi strutturali, regime di aiuti di Stato temporaneo. Tutto ciò – ha concluso – per fare in modo che L’Aquila e l’Abruzzo si risollevino».

«L’Abruzzo potrà, inoltre, utilizzare immediatamente la sua dotazione di 140 milioni di euro del Fondo europeo di sviluppo regionale 2007-2013. Tra l’altro, questi fondi», ha spiegato Barroso, «potranno essere utilizzati per la messa in sicurezza degli edifici dal rischio sismico». L’Aquila è la conferma, ha commentato il presidente della Commissione Ue, «di un principio che ritengo valido anche in periodo di crisi economica: non è il momento di affievolire i nostri valori europei, bensì di rafforzarli e porli a fondamento in ogni settore della società».