Brexit, appello di Theresa May a Corbyn: “Troviamo un accordo”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 8 maggio 2019 7:40 | Ultimo aggiornamento: 7 maggio 2019 23:44
brexit theresa may

Brexit, appello di Theresa May a Corbyn: “Troviamo un accordo”

LONDRA – Theresa May e Jeremy Corbyn potrebbero raggiungere un accordo sulla Brexit così da far uscire il Regno Unito dall’UE: è quanto sostengono due ex ministri Conservatori e Laburisti. Nicky Morgan e Caroline Flint, ex ministri rispettivamente del partito Conservatore e Laburista, hanno affermato che la rivolta all’interno dei partiti sia stata esagerata. Un accordo tra i partiti, al contrario, avrebbe il sostegno sufficiente per superare la Camera dei Comuni, in cui per tre volte è stato pesantemente sconfitto l’accordo Brexit della May.

Lo stallo della Brexit ha avuto un prezzo: nell’ultimo e recente test elettorale locale i Conservatori hanno subito una batosta perdendo oltre 1.300 seggi e il Labour ha avuto un risultato deludente. Il primo ministro sembra abbia discusso sull’ipotesi di un secondo referendum Brexit. Secondo il Telegraph, la May e i suoi assistenti avebbero parlato di dare all’elettorato tre possibilità: uscire senza un accordo, rimanere o uscire con un accordo. 

Morgan sul sito web dei Tories, ha dichiarato:”Quale scelta avrà il primo Ministro se non raggiungere un accordo con il partito Laburista? Se dovesse esserci i Conservatori lo sosterranno”. Ma i Laburisti sono divisi su un nuovo voto, i membri del governo ombra sfidano le indicazioni del partito e si oppongono a un accordo con la May – anche se ha accettato le richieste del Labour su un’unione doganale e diritti dei lavoratori – se non ci fosse un votazione di conferma, ha riferito il Guardian.

Una fonte ha riferito al quotidiano che i due terzi del gruppo parlamentare, più di 150, potrebbero ribellarsi. Ma i parlamentari delle zone di sostegno del Nord e delle Midlands hanno minimizzato la minaccia di una ribellione, Caroline Flint ha affermato che una “maggioranza” di parlamentari minori avrebbe sostenuto un accordo. Alla BBC Radio 4 ha detto che non c’era una maggioranza tra i parlamentari per un secondo referendum.

Riferendosi alle recenti elezioni locali, la Flint ha detto riferendosi agli elettori: “Dobbiamo dimostrare di rispettare il loro voto altrimenti non ci ascolteranno più”. Jeremy Corbyn ha commentato le elezioni locali sostenendo che senza dubbio la Brexit “ha avuto un notevole impatto sui risultati. Quando il dibattito nazionale è dominato da sconcertanti procedure parlamentari e nulla sembra cambiare, posso capire che le persone si sentano frustrate”. “Troviamo un accordo” di compromesso sull’uscita UE, è l’appello rivolto dalla premier sul Mail On Sunday. “Al leader dell’opposizione io dico questo: ascoltiamo ciò che gli elettori hanno voluto esprimere, la loro frustrazione, e mettiamo per il momento da parte le nostre differenze. Troviamo un accordo”, ha scritto la May. (Fonte: Daily Mail)