Brexit, c’è la bozza di accordo tra Londra e Ue. May convoca vertice straordinario del governo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 novembre 2018 18:56 | Ultimo aggiornamento: 13 novembre 2018 18:56
brexit accordo

Brexit, c’è la bozza di accordo tra Regno Unito e Ue. Theresa May convoca vertice straordinario del governo

LONDRA – Ci sarebbe una bozza di accordo di 500 pagine tra Regno Unito e Ue sulla Brexit, il travagliato processo di uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. La notizia sta filtrando da fonti del governo britannico e di Downing Street, dove questa sera verranno convocati dalla premier Theresa May uno a uno i componenti del suo esecutivo per cercare di preparare il terreno per il consiglio dei ministri forse decisivo di domani pomeriggio. 

Non ci sono ancora dettagli, ma a quanto si apprende si sarebbe trovato un accordo provvisorio sulla questione irlandese, che prevederebbe un backstop temporaneo, e cioè un regime per l’Irlanda del Nord simile all’Ue per un periodo limitato di tempo in attesa di trovare una soluzione definitiva nel periodo di transizione (marzo 2019-dicembre 2020). Tutto questo per evitare un confine “duro” tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda e il possibile riacutizzarsi delle tensioni nell’area.

Si tratterebbe di un passo importante per quanto riguarda il complicatissimo percorso per giungere a una Brexit controllata prima del 29 marzo 2019 ed evitare un “no deal”, cioè nessun accordo, che potrebbe provocare conseguenze gravi dal punto di vista economico e commerciale, oltre che sociali.

Questa bozza di accordo con l’Ue dovrà essere vidimata prima dal consiglio dei ministri britannico e poi dal Parlamento di Londra. Due passaggi assolutamente non scontati. Negli ultimi giorni, all’interno del partito conservatore, sia i fautori della Brexit a ogni costo come Boris Johnson, sia gli europeisti come il dimissionario fratello Jo, hanno espresso un forte malumore nei confronti del possibile accordo di May. La premier al momento non ha una maggioranza in Parlamento che possa approvare la bozza di accordo faticosamente raggiunta.