Politica Europa

Caso Bettencourt: piovono critiche sul procuratore Courroye

Nuove critiche per il procuratore di Nanterre, Philippe Courroye, che si sta occupando di tre distinte indagini preliminari relative al caso Bettencourt, ma che si rifiuta di entrare nel vivo dell’inchiesta trasferendo il dossier a un magistrato indipendente. Questa volta ad intervenire e’ il magistrato Philippe Bilger, avvocato presso la corte d’appello di Parigi: ”Non si tratta di fare il processo a Courroye. Non dubito della sincerita’ della sua azione, ne’ della sua buona fede nelle indagini preliminari.

Ma sarebbe inconcepibile se non lanciasse le indagini”, avviando un processo. E ancora: ”Dobbiamo aspettare di vedere cosa fara’, ma mi sembra evidente che una di queste indagini dovra’ sfociare in un rinvio a giudizio.Solo a quel punto non ci saranno piu’ dubbi sull’azione della giustizia”. ”In questa vicenda abbiamo l’impressione che nell’aereo giudiziario non ci sia piu’ un pilota”, ha ironizzato ancora, riferendosi all’altro grande rifiuto di Courroye; trasmettere le registrazioni clandestine del maggiordomo di Liliane Bettencourt al giudice Isabelle Prevost-Desprez, che ne ha bisogno per chiarire gli aspetti legati alla circonvenzione di incapace dell’anziana erede dell’Oreal da parte del suo ‘amico del cuore’, Francois-Marie Banier.

Sono ormai giorni che piovono critiche e i dubbi circa l’indipendenza del procuratore, che dipende dal ministero della Giustizia, e che non nasconde la sua amicizia con il presidente Nicolas Sarkozy. In tanti invocano il trasferimento del dossier a un magistrato ”indipendente” e ”imparziale”. Una petizione lanciata sul sito internet Mediapart a questo proposito ha gia’ raggiunto 30mila firme.

To Top