Croazia cancella i debiti di 60mila poveri fino a 4500 euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Febbraio 2015 9:20 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2015 9:20
Croazia cancella i debiti di 60mila poveri fino a 4500 euro

Croazia cancella i debiti di 60mila poveri fino a 4500 euro

ROMA – Ha inizio oggi in Croazia un singolare programma del governo che mira alla cancellazione dei debiti accumulati per bollette e servizi pubblici per le famiglie in difficoltà finanziare. Per chiedere la cancellazione dei debiti, che possono arrivare complessivamente a un massimo di 4500 euro, le famiglie interessate dovranno provare di percepire già aiuti finanziari dalla previdenza sociale o di avere un reddito mensile non superiore ai 330 euro.

In Croazia – membro Ue da luglio 2013 – lo stipendio medio lo scorso ottobre era di 737 euro. La disoccupazione si avvicina al 20%. Al programma partecipano volontariamente, ma su incoraggiamento del governo, sei banche, gli operatori di telefonia mobile e fissa, i distributori di energia elettrica, gas e altri, nonché molti Comuni ed enti locali. Per il governo si tratta di una misura sociale che aiuterà circa sessantamila persone, con un spesa dello 0,1% del Pil, 46 milioni di euro.

La Croazia chiederà di aderire all’area Schengen di libera circolazione tra paesi europei il primo luglio prossimo, in coincidenza con il secondo anniversario dell’ingresso del Paese nell’Unione europea.

Lo ha annunciato il premier Zoran Milanovic pochi giorni fa. “La Croazia si aspetta molto dalla sua partecipazione alla convenzione di Schengen dato che ha un settore turistico molto forte e dinamico”, ha detto il premier ricordando che da sempre la maggior pare dei turisti in Croazia arrivano da Paesi europei.

La stampa e gli analisti temono però che la volontà del governo di Zagabria di aderire al più presto a Schengen venga frenata dalle richieste di maggiore prudenza, controlli e sicurezza in Europa dopo gli attacchi terroristici a Parigi.