Di Maio cerca alleati europei: chi sono il polacco Kukiz, il croato Sincic e la finlandese Kahonen

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 gennaio 2019 13:28 | Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2019 13:28
Di Maio cerca alleati europei: chi sono il polacco Kukiz, il croato Sincic e la finlandese Kahonen

Di Maio cerca alleati europei: chi sono il polacco Kukiz, il croato Sincic e la finlandese Kahonen

ROMA – “Siamo molto orgogliosi di aver trovato importanti convergenze con i polacchi di Kukiz’15, i croati di Zivi zig e i finlandesi di Liike Nyt. Con loro trasformeremo l’Europa in una terra di opportunità per giovani, imprese e famiglie”, commenta entusiasta l’eurodeputata M5s Tiziana Beghin, in un’intervista a Formiche.net. E’ lei ad aver accompagnato il capo politico Luigi Di Maio nella sortita tenuta segreta fino all’ultimo a Bruxelles per intessere quelle relazioni utili a un’alleanza politica per formare un gruppo unitario nel Parlamento europeo che verrà dopo le elezioni di maggio.

I nomi dei partiti incontrati sono un po’ ostici come del resto quello dei loro leader, una rocker polacco anti-abortista, un ventottenne populista croato anti-euro e una paladina finlandese della democrazia diretta. Vediamo i loro profili.

Il polacco Pawel Kukiz, rockstar antiabortista. Pawel Kukiz ha portato Kukiz’1, movimento populista di destra, a un più che lusinghiero 20% alle elezioni del 2015. Cantante rock attivo già negli anni ’80 nonché attore, confida nel superamento dei partiti tradizionali, promuove la democrazia diretta, è contrario all’aborto e alle adozioni gay.

Il croato Ivan Sincic, populista anti-euro. Il partito populista Zivi zid (“Lo scudo umano”) è stata la sorpresa del 2014 in Croazia: il suo 16% è stato speso per dare attuazioni alle lotte per il diritto alla casa, contro i pignoramenti e a favore delle occupazioni. E’ sovranista in politica, protezionista in economia, contrario agli Ogm e all’adozione dell’euro.

La finlandese Karolina Kahonen paladina della democrazia diretta. Co-fondatrice del movimento finlandese Liike Nyt, Karolina Kahonen sposa le tesi più vicine ai 5 Stelle sull’economia digitale e partecipazione diretta dei cittadini alla democrazia. In economia però sono liberisti convinti.