Elezioni Francia: trionfo Sarkozy, quasi 70 su 101 dipartimenti. Le Pen nessuno

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 Marzo 2015 21:02 | Ultimo aggiornamento: 29 Marzo 2015 23:39
Elezioni Francia: trionfo Sarkozy, quasi 70 su 101 dipartimenti. Le Pen frena

Nicolas Sarkozy

PARIGI – L’Ump, il partito conservatore di Nicolas Sarkozy trionfa anche al secondo turno nelle elezioni dipartimentali in Francia, equivalenti delle nostre provinciali. I primi exit poll, diffusi da Bfm Tv, assegnano tra i 64 e i 70 dipartimenti alla destra di Nicolas Sarkozy (che ne aveva 41), fra i 30 e i 37 alla sinistra, che ne aveva 60, nemmeno uno al Front National. Su un totale di 101.

Sarkozy, pochi minuti dopo i risultati, esulta:

“Stasera, la destra ha nettamente vinto le elezioni dipartimentali. Mai, nella Quinta repubblica, la destra aveva raggiunto un risultato del genere. L’alternanza è ormai avviata e nessuno la fermerà”.

Il primo ad ammettere la sconfitta della gauche è stato il premier socialista Manuel Valls:

“Questa sera la destra repubblicana ha conquistato una vittoria incontestabile. La sinistra, troppo dispersa, troppo divisa al primo turno, conosce un netto arretramento, nonostante un buon bilancio dei governi dei dipartimenti”.

Valls mette in guardia il paese dal pericolo Le Pen:

“L’estrema destra del Front National ha totalizzato un punteggio troppo elevato e le forze repubblicane devono denunciare le soluzioni pericolose che propone per il Paese”.

Soddisfatta invece Marine Le Pen che parla di un “risultato storico” che “pone il Front National come grande forza politica e che è la base per le vittorie di domani”. Sebbene il suo partito non abbia conquistato nessuno dei tre dipartimenti ai quali puntava. Nemmeno nella Vaucluse, la regione di Avignone dove è eletta la nipote di Marine Le Pen, Marion Marechal, non c’è maggioranza: 6 cantoni vanno alla gauche, 6 al centrodestra, il Fn ne conquista solo 5.

E’ stata la stessa Marechal a certificare la mancata conquista di un dipartimento simbolo: “Non abbassiamo le braccia – ha detto la nipote di Marine – si tratta di difendere il nostro territorio e il nostro Paese. Possiamo trarre una lezione da questa elezione: la necessità di lavorare ancora di più e ancora più duramente”.  La giovane deputata ha inoltre annunciato che il partito presenterà ricorso sui risultati di un cantone, l’Orange, in cui ha vinto un’altra formazione d’estrema destra, la Ligue du Sud.

Nel Gard, i primi dati danno il Front National fermo a due cantoni, ovvero quattro consiglieri dipartimentali, ben lontano dalla maggioranza, che rimane alla sinistra, anche se per pochissimi voti. Resta in particolare in mano alla gauche la città di Nimes, feudo personale dell’altro deputato di Fn Gilbert Collard. 

Alle urne si sono recati più di 40 milioni di francesi. Il partito di destra Ump, recentemente rientrato sotto la guida dell’ex presidente Nicolas Sarkozy, aveva già trionfato al primo turno di domenica scorsa con il 29%, bloccando l’avanzata del Front National di Marine Le Pen, fermo al 25%. Terzi i socialisti del presidente Francois Hollande con il 21,8%.