Elezioni Grecia, vertice Bce-Ue. Germania: “Atene rispetti impegni”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Gennaio 2015 20:01 | Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio 2015 20:14
Elezioni Grecia, vertice Draghi-Juncker-Tusk-Dijsselbloem

Mario Draghi (Foto Lapresse)

BRUXELLES – Colazione di lavoro dei vertici europei per discutere del voto in Grecia. E il numero uno della Bundesbank, la banca centrale tedesca, che avverte: “Atene rispetti gli impegni”. Il risultato delle elezioni di domenica 25 gennaio, con il grande successo del partito Syriza di Alexis Tsipras, echeggia in Europa.

Domenica sera, a nemmeno due ore dalla chiusura dei seggi ellenici, è stata indetta una colazione di lavoro prima dell’Eurogruppo di lunedì tra il presidente della Bce, Mario Draghi, quello della Commissione Europea, Jean Claude Juncker, quello del Consiglio Europeo, Danald Tusk, e quello dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem.

Tema del pranzo, naturalmente, la Grecia post elezioni e la linea da tenere con il nuovo governo.

Le reazioni non si sono fatte attendere nemmeno dalla Germania. Il “falco” Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, ha avvertito Atene:

Mi auguro che il nuovo governo greco non metterà in discussione i risultati che sono stati finora raggiunti. E’ nell’interesse del governo greco fare le riforme necessarie per risolvere i suoi problemi strutturali. La Grecia deve aderire alle condizioni del salvataggio”.

In campagna elettorale Tsipras ha sempre detto che, se avesse vinto le elezioni, non avrebbe mantenuto gli impegni presi con Bruxelles dai suoi predecessori e avrebbe invece chiesto una parziale cancellazione del debito e avrebbe posto fine alle politiche di austerità.