Elezioni in Grecia: sfida tra Nea Dimocratia e Syriza

Pubblicato il 1 Giugno 2012 11:21 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2012 11:22

ATENE – Oggi, 1° giugno, è l'ultimo giorno in Grecia per la pubblicazione dei sondaggi d'opinione in vista delle elezioni del 17 giugno.

Dai risultati dei sondaggi condotti negli ultimi giorni, due sono i partiti in lotta per il primo posto: Nea Dimocratia, di centro destra, e la Coalizione delle Sinistre (Syriza, radicale). Quest'ultima è in realtà preferita, mentre Nea Dimocratia sta cercando con difficoltà di raggruppare i voti degli elettori moderati.

Da parte sua, il Pasok, il partito socialista, mantiene per ora le sue forze in rapporto con le elezioni del 6 maggio, però rischia ancora di perdere voti a sinistra a favore di Syriza.

Sempre in base ai sondaggi, gli altri partiti minori, il Partito Comunista di Grecia, Sinistra Democratica, Greci Indipendenti e Chrisi Avgi, saranno nel nuovo Parlamento, seppure a ranghi ridotti.

Secondo gli osservatori politici, i risultati delle elezioni legislative del 17 giugno potranno comportare modifiche radicali per i partiti. Non si può escludere un cambiamento della leadership del Partito comunista (Kke) se, come mostrano i risultati dei sondaggi, continuerà a perdere preferenze.

Lo stesso si può dire per Nea Dimocratia nel caso in cui perdesse il primo posto, o per il Pasok, se scendesse sensibilmente al di sotto del risultato del 6 maggio (13,18%).