Elezioni Portogallo: forse ultima battaglia per il socialista Socrates

Pubblicato il 3 Giugno 2011 20:12 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2011 21:13

LISBONA, 3 GIU – Per Jose' Socrates, il secondo ex 'giovane lupo' del socialismo iberico, arrivato al potere nel 2005, un anno dopo Jose' Luis Zapatero in Spagna, quella di domenica potrebbe essere l'ultima grande battaglia politica.

I sondaggi lo danno sconfitto dal rivale conservatore Pedro Passos Coelho. Ma lui ha combattuto con la solita rabbia, con la solita voglia di vincere, ogni giorno della lunga campagna elettorale, di fatto iniziata con le dimissioni che l'opposizione gli ha imposto in aprile. Sanguigno, dicono anche collerico e permaloso, lui stesso si era definito ''un animale feroce'' dopo la vittoria nel 2004 alle primarie del partito socialista. Ha la fama di non darsi mai per vinto. Gia' due anni fa era riuscito a rovesciare i pronostici dei sondaggi vincendo le politiche del 2009 contro l'allora candidata premier del Psd Manuela Ferreira Leite.

Ma oggi le conseguenze di una sconfitta sarebbero probabilmente piu' serie per Jose' Socrates Carvalho Pinto de Sousa, 53 anni, da 30 in politica. Prima brevemente nel Psd, poi dal 1981 nel partito socialista. Ingegnere, divorziato con due figli, e' stato eletto deputato per la prima volta a 30 anni. E' stato piu' volte ministro. Ha superato indenne diversi scandali.

La stampa lo ha accusato di avere beneficiato di una laurea 'di favore'. Poi, quando era ministro dell'ambiente, il suo nome e' stato coinvolto nell'inchiesta sullo scandalo 'Freeport', su presunte tangenti pagate per la costruzione di un centro commerciale alle porte di Lisbona, in una zona protetta. La procedura e' stata archiviata l'anno scorso. Nel 2005 ha portato il Ps alla vittoria, conquistando una maggioranza assoluta in Parlamento. Nel 2009 e' riuscito di nuovo a sorpresa a superare il Psd, ma perdendo la maggioranza parlamentare. Da allora le crisi economica e poi finanziaria che si sono abbattute sul paese, i tre successivi giri di vite e ora la richiesta di un salvataggio sotto le 'forche caudine' di Ue e Fmi, hanno fatto precipitare a minimi storici la sua popolarita'.

Per tentare di riavvicinarsi all'elettorato di sinistra ha introdotto negli ultimi due anni riforme di societa' 'zapateriane' come la legalizzazione dei matrimoni gay. Ma, sembra, senza riuscire a fermare l'emorragia di voti dal Ps. Dopo le elezioni, se perdera', non e' escluso secondo la stampa portoghese che lasci la direzione del Ps. I due partiti del centrodestra, il Psd e il Cds, probabili partner di governo in caso di vittoria di Passos Coelho, non hanno escluso di allargare la coalizione ai socialisti in nome dell'interesse nazionale, ma a condizione che Socrates ne lasci la guida.