Politica Europa

Elisabetta, “rimpasto” a Buckingham Palace: il principe Carlo verso il trono

Elisabetta, "rimpasto" a Buckingham Palace: il principe Carlo verso il trono

Il principe Carlo e Camilla (Foto Lapresse)

LONDRA – Il principe Carlo si avvicina al trono britannico. Secondo diversi quotidiani britannici la regina Elisabetta II sarebbe intenzionata a condividere lo scettro con il figlio. Il “rimpasto” è iniziato con il trasferimento di dieci persone che si occupano della sua immagine dalla residenza di Clarence House a Buckingham Palace. Spetterà a loro, da febbraio, dirigere la comunicazione della famiglia reale. Di fatto, quindi, sarà Carlo a decidere di che cosa e soprattutto di chi (della royal family) parleranno i media. 

Il passaggio di poteri non finisce qui: il principe di Galles sostituirà o accompagnerà in sempre più appuntamenti ufficiali la sovrana e sarà con lei anche alle celebrazioni per il settantesimo anniversario dello Sbarco in Normandia, in programma il prossimo giugno.

”E’ iniziato il passaggio del testimone”, ha detto una fonte reale al Sunday TimesIl ruolo del principe Carlo diventa cruciale se si considera, come sottolinea il quotidiano, che il viaggio in Normandia potrebbe essere l’ultima visita all’estero ufficiale di Elisabetta. Dopo lo storico viaggio in Irlanda di tre anni fa, è stato infatti consigliato alla sovrana, che ha ormai 87 anni, di ridurre al minimo le trasferte, vista la sua età.

Già il principe di Galles nei mesi scorsi ha rappresentato la sovrana al vertice dei Paesi del Commonwealth in Sri Lanka e ha preso parte ai funerali di Nelson Mandela, oltre ad affiancarla in occasione del Queen’s Speech di fronte al Parlamento di Westminster.

”La sua agenda sarà sempre più fitta”, ha dichiarato una fonte di Palazzo. Per questo si è reso necessario un ufficio stampa che coordini al meglio la ‘cogestione’ del trono. Avrà sede a Buckingham Palace e sarà guidato da Sally Osman, membro dello staff di Carlo e veterana delle comunicazioni alla Bbc, che però dovrà rendere conto a Christopher Geidt, il segretario privato di Elisabetta, ex ufficiale delle Gaurdie Scozzesi, ex diplomatico e forse ex agente dei servizi segreti. 

Il nuovo ufficio stampa dovrà collaborare strettamente con gli addetti stampa dei giovani reali, i duchi di Cambridge e il principe Harry, che avranno meno indipendenza nelle loro dichiarazioni e dovranno attenersi molto di più alle indicazioni che arrivano dall’alto. Tutta la famiglia reale è infatti coinvolta in questa riorganizzazione.

E tornano tutta una serie di notizie apparse in questi ultimi mesi. Come il fatto che prima William e poi anche Harry abbiano scelto nuovi incarichi nella capitale, per poter dare man forte all’attività ufficiale dei Windsor. Il duca di Cambridge lo farà a tempo pieno, dopo che ha lasciato la divisa militare e si è iscritto a un corso di management in Agricoltura per poter gestire le proprietà reali quando il padre salirà sul trono. Già da ora però dovrà sostituire Carlo in una serie di appuntamenti organizzati a Clarence House.

Harry invece ha mantenuto la divisa ma è stato trasferito alle Horse Guards, a pochi metri da Palazzo, dove organizzerà parate militari. La stessa Kate, mentre il principe George continua a crescere, dovrà dare il suo contributo.

Tutti devono tenere pronte le valigie. Ad aprile i duchi di Cambridge andranno in visita di Stato in Australia e Nuova Zelanda e dovrebbero portarsi il bebè reale. Il mese successivo Carlo e Camilla andranno in Canada. Nemmeno per sogno si ipotizza una abdicazione, come ha fatto la regina Beatrice d’Olanda a 75 anni, in favore del figlio Guglielmo Alessandro. Fonti di palazzo sottolineano che la sovrana continua come sempre nel suo ‘lavoro’, segue l’attività istituzionale e quanto accade nel Paese, col suo solito dinamismo.

 

 

 

To Top